Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 19 agosto 2013

Eluvium-Nightmare-Ending

Eluvium

Nightmare Ending

Genere: Neoclassical, Ambient-drone

Anno: 2013

Casa Discografica: Temporary Residence

Servizio di:

Emozionante è il termine più adatto a descrivere l’ultima fatica discografica di Matthew Cooper. Il sesto episodio della saga Eluvium, in realtà, è in buona parte il ripescaggio di materiale vecchio, che risale al periodo che intercorre tra Copia e Similes, i capolavori contrassegnanti le due età della sua produzione (2007-2010).

I due movimenti del doppio full lenght si spartiscono (quasi) equamente la parte più classica, contrappuntata dal piano solista che disegna atmosfere sospese e autunnali, e l’altra, sperimentale, che rifonda l’ambito ambient crepuscolare, attraverso un largo uso di dronica e di phaser. I quattordici affreschi ri-disegnano paesaggi brumosi, indefiniti perché protetti dalla nebbia del mattino, pomeriggi primaverili nei quali il sole è tenue e riscalda a fatica la pelle, ma anche notturni agitati e cupi che risentono di incubi dark-ambient (la sinfonia “Unknown Variation” e i riverberi metallici di “Envenom Mettle“).

La scelta stilistica del moto discontinuo è una dichiarazioned’intenti e approfondire le diversità che intercorrono fra le tracce aiuta a comprendere quanto sia grande – e variopinto – il processo creativo del fauno di Portland. I martelletti percuotono le corde metalliche in assolo nelle incantate “Warm“, “Caroling” e “Entendre” , il pianoforte si lascia sedurre dal suono sintetico in “Dont Get Any Closer“, “Sleeper“, “Chime“, “Rain Gently“; l’elettronica, spesso urticante, dilaga in “Warm“, “By the Rails“, “Covered in Writing“, “Strange Arrivals” (e nelle sopracitate svisate noise).

Infine un piano, una voce (Ira Kaplan di Yo La Tengo) e un finale tra il rumoroso e il sognante, sembrano voler sdrammatizzare, nel rush finale di “Happiness“, un lavoro complesso e sofferto, quasi a voler sottolineare che Eluvium non è uno che si accontenta, sempre pronto com’è a svoltare verso  nuove immaginifiche soluzioni.

Voto: 8/10

Tracklist:

  • 1 · Don't Get Any Closer
  • 2 · Warm
  • 3 · By The Rails
  • 4 · Unknown Variation
  • 5 · Caroling
  • 6 · Sleeper
  • 7 · Envenom Mettle

  • 8 · Chime
  • 9 · Rain Gently
  • 10 · Impromptu (For The Procession)
  • 11 · Covered In Writing
  • 12 · Entendre
  • 13 · Strange Arrivals
  • 14 · Happiness

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi