Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 24 giugno 2015

Frozen Vaults

The Frozen Vaults

1816

Genere: Elettroacustica, Neoclassical

Anno: 2015

Casa Discografica: VoxxoV Records

Servizio di:

The Frozen Vaults è il  collettivo composto da nomi noti sulle nostre pagine: Bartosz Dziadosz (Pleq), Harry Towell (Spheruleus), Yuki Murata (piano), David Dhonau (violoncello) e Tomasz Mrenca (violino). 1816 è l’album di debutto che è uscito il 27 Aprile via VoxxoV Records.

Il disco ruota intorno alle vicende del 1816 che fu uno degli anni più freddi che la storia ricordi ed è proprio ricordato come l’anno senza estate. Il freddo ha prodotto molte vittime. Le cause sono ricondotte alle eruzioni del vulcano Tambora (Isola dii Sumbawa). La musica del collettivo cerca di ricostruire e rievocare le sensazioni e le percezioni delle conseguenze di quel grande freddo.

La natura degli strumenti e degli artisti in “campo” portano alla costruzione di intrecci che fanno incontrare  trame neoclassiche con linee elettroniche. Il brano simbolo sembra essere  ”A Year Without Summer“: una costruzione agrodolce con il pianoforte e il violino che si accavallano alla sfondo rumoristico. “Frozen Vaults” è un altro pezzo chiave con un utilizzo armonico (ma pur sempre “cupo”) della dissonanza.

First Moments“e “The Great Thaw” esaltano la trama ambientale della composizione con una conciliazione perfetta fra gli strumenti. L’umore sembra virare sul malinconico e “Light Cold Day” sembra sottolineare questo aspetto mettendo in evidenza la ricerca di dare una sorta di doppia linea alla composizione. Questo lo si può notare nei piccoli movimenti di “God Rest Ye Merry Gentlemen“e i raschi di “Hard Frost Fields“, nei contrasti e gli abissi di “Cloak of Lingering Fog ” (tra i pezzi più drammatici del disco),

I cinque musicisti hanno creato dieci tracce che sembrano la perfetta colonna sonora per raccontare un avvenimento catastrofico fra storia, emozioni e rapporto natura-umanità. Una splendida passeggiata nei livori del passato.

Voto: 7,5/10

Tracklist:

  • 1 · First Moments
  • 2 · Cold Light of Day
  • 3 · Frozen Streams
  • 4 · Hard Frost Fields
  • 5 · A Year Without Summer
  • 6 · Cloak of Lingering Fog
  • 7 · God Rest Ye Merry Gentlemen
  • 8 · Stilled
  • 9 · The Great Thaw
  • 10 · Field Rotation - Zeitreise (Remixed By The Frozen Vaults)

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi