Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 26 giugno 2013

Witxes

Witxes

A fabric of beliefs

Genere: Ambient-drone, Abstract, Sperimentale

Anno: 2013

Casa Discografica: Denovali Records

Servizio di:

Denovali Records fa un altro colpaccio e ci regala un altro artista tanto talentuoso quanto visionario. Stiamo parlando di Wixtes, progetto francese arrivato al secondo album. Dopo Sorcery/ Geography, è uscito da circa un mese A Fabric of beliefs  che rappresenta un’esplorazione delle convinzioni e delle credenze popolari, di come queste influenzano il comportamento della gente e dell’inconsistenza che spesso c’è dietro.

Questo percorso è affrontato in maniera superba incrociando la strada dell’improvvisazione con quella dell’astrazione: non si individuano schemi o strade lineari. Le dodici tracce che formano l’album sono composizioni tortuose che esplorano una numerosa varietà di stili e non-generi.Le intuizioni del collettivo francese, guidato da Maxime Vavasseur, trovano il nucleo soprattutto in strutture ambient-drone che vengono rimodellate continuamente.

Infatti potrete ritrovare imponenti distorsioni rumoristiche (“The Breach” o la fantastica progressione di “The Weavers”) o all’opposto una ricerca minuziosa del minimalismo strumentale (“The Turned” e le pause della cantata “The Words“). C’è spazio anche per pezzi di natura dark-jazz, come ad esempio “The Apparel ” e “The Pilgrim ”.  L’apertura con le tre “Through Abraxas” mette in evidenza tutta la natura astratta del suono: l’andamento oscuro e il successivo frastagliamento noise della prima, l’essenzialità fluida e assordante della seconda, la teatralità “secca” delle percussioni di Fabien Mysak  nel terzo episodio del disco.

Ci sono anche spiragli melodici che emergono soprattutto nell’eterea sezione acustica di “The Strands” o nell’evocativa malinconia di “The Visited“.  Anche la crescita, dai retaggi post-rock, della finale “The Moonlit Passage “ porta alla luce linee armoniche.

La sperimentazione è spinta ai massimi livelli ma non si esprime in modo casuale ma attraverso una ricercatezza del suono imponente, una costruzione minuziosa che è lo specchio della bellezza globale del disco. Tra gli essenziali di questo 2013.

Voto: 7,5/10

Tracklist:

  • 1 · Through Abraxas I
  • 2 · Through Abraxas II
  • 3 · Through Abraxas III
  • 4 · The Strands
  • 5 · The Apparel
  • 6 · The Breach
  • 7 · The Visited
  • 8 · The Weavers
  • 9 · The Pilgrim
  • 10 · The Turned
  • 11 · The Words
  • 12 · The Moonlit Passage

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi