Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 28 marzo 2015

Jefre Cantu

Jefre Cantu-Ledesma

A Year With 13 Moons

Genere: Ambient-Noise, Sperimentale

Anno: 2015

Casa Discografica: Mexican Summer

Servizio di:

Jefre Cantu-Ledesma è uno di quegli artisti che non ha bisogno di presentazioni e che nel corso della sua (prolifica) carriera è riuscito a tirare fuori sempre il meglio nelle esplorazioni in cui si cimentava (solista, in gruppo con i Tarantel, The Alps e come produttore con la Root Strata).

Il nuovo album si intitola A Year With 13 Moons ed è uscito il 10 Febbraio via Mexican Summer. Le sedici tracce sono ispirate fortemente all’omonimo film del 1978 di Rainer Werner Fassbinder. Le sonorità segnano una linea di continuità Love is a Stream nel quale esploravano le trame rumoristiche (forti nell’inizio di “Love After Love“, quasi cosmico in “Mirror of Past & Future“, “spalmato” in “Agate Beach“, sgranato in “Remembering”) e il concetto di distorsione all’interno delle strutture ambient. A parte una traccia, tutto è stato registrato in presa diretta con chitarra elettrica, synth modulare, drum machine e field recording vari.

Il risultato è notevole e lo si può notare nel contrasto dell’iniziale “The Last Time I Saw Your Face” nella quale si riversa un forte sgretolamento dell’armonia di sottofondo che rimanda a sfumature shoegaze (che si ripresentano in “Pale Flowers” e “Along the Isar“). In “Interiors” viene razionalizzato il tutto, con un controllo maggiore ma senza limare l’abrasione che viene estremizzata nel minimalismo di “Early Autumn” e nel graffio di “Görlitzer Park“. “The Twins/Shadows” segue un percorso in verso con linee semi-melodiche nella prima parte e un rumore silenzioso-assordante nella seconda.

La bravura del compositore statunitense è stata l’esplorazione globale della sua curiosità verso il rumore: dall’aspetto più “cupo” fino all’abbraccio con la parte armonica della composizione. E tutto ha funzionato, soprattutto dal punto di vista narrativo. Titoli di coda e applausi.

Voto: 7,2/10

Tracklist:

  • 1 · The Last Time I Saw Your Face
  • 2 · Love After Love
  • 3 · Disappear
  • 4 · Mirror of Past & Future
  • 5 · Interiors
  • 6 · Pale Flower
  • 7 · The Twins / Shadows
  • 8 · Agate Beach
  • 9 · The Spree
  • 10 · Early Autumn
  • 11 · A Portrait of You at Nico's Grave, Grunewald, Berlin (for Bill K.)
  • 12 · Remembering
  • 13 · Görlitzer Park
  • 14 · Along the Isar
  • 15 · At the End of Spring
  • 16 · Remains

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi