Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

News | Pubblicato il 16 giugno 2015

unnamed (26)

Meanza & De (Bob Meanza e il sitarista Filipe Dias De) è un duo proveniente da Berlino che miscela la trama acustica con quello elettronico in prospettiva di “ricerca” e movimentazione ritmica. Ou è il nuovo lavoro che è uscito il 15 Giugno via Aut Records. Vi proponiamo lo streaming integrale.

“OU” è il frutto della collaborazione tra due creativi atipici. Bob Meanza, artista multimediale (“Cicadas”, 2013), e Filipe Dias De, sitarista, si incontrano nel 2012 e danno il via a un ciclo di performance musicali basate su improvvisazione e live electronics. A Berlino, città della musica elettronica, i due si muovono attraverso diverse culture: il retroterra mediterraneo, le radici indiane e una prospettiva spiccatamente mitteleuropea. Il prodotto di questo mix è la musica di un mondo possibile, dove le macchine sono ormai patrimonio arcaico e, come i miti e le tradizioni, fanno semplicemente parte del folklore umano. Su questo pianeta è normale che un laptop e un sitar si incontrino in riva al fiume, e inizino una jam su antiche formule. Questo speciale luogo sonoro è chiamato “OU”. Un nome senza significato preciso, un suono che può emergere in diverse lingue (“oppure” in Portoghese, “dove” in Francese), o che semplicemente ricorda il lontano richiamo dei pescatori siciliani, che echeggia nell’ultima traccia del CD. Il progetto “OU” è maturato in Germania e si è spostato verso sud, grazie anche all’artista Marco Mendeni (che ha collaborato ai visuals dei concerti), in un tour che è culminato al Robot Festival 2013, a Bologna. Di ritorno a Berlino, il duo registra una performance non-stop di quattro ore: l’album è il condensato di questa session. Partendo da un ininterrotto flusso musicale, con il sitar di Dias De costantemente processato dall’elettronica, Bob Meanza ha montato e ricomposto il materiale, producendo l’album nella sua versione finale: in viaggio, alla ricerca di un folklore futuribile.

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi