Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 3 settembre 2013

all there

All There

All There

Genere: Ambient, Pop, Sperimentale

Anno: 2013

Casa Discografica: Gtb Records

Servizio di:

La musica può assumere vari ruoli e quello più comune è quello di poter raccontare una storia. E pensate che posizione privilegiata del musicista nel poter dare pienezza e consistenza al racconto per renderlo vero e emotivamente d’impatto. L’esordio eponimo degli All There, sotto questo punto di vista centra pienamente l’obiettivo.

All There è un collettivo statunitense che miscela suggestioni ambient, ammiccamenti pop e ritmiche sperimentali. La formazione comprende Meysell Quintana (Echo Vessel), Luke Kim (Copys), Maxton Stenstrom (Infinitefreefall), e Pilot Chmielarczy. L’album di debutto è un concept che segue la dissoluzione di un amore nel corso delle quattro stagioni. Un melodramma, in alcuni momenti davvero struggente, che viene ben sviluppato non sono dal punto di vista musicale ma anche dagli elementi “reali” come le telefonate, samples di altri brani e aspetti ambientali che trasportano l’ascoltatore nella storia che coinvolge Jon and Emily (le cui voci sono interpretate da Stenstrom e Chmielarczyk).

Si parte dalla primavera. Dopo la grazia vocale femminile di “Prologue“, il flusso elettronico (con tratto rumoristici) di “Melt” scandisce il dialogo fra Jon e Emily che ragionano sul declino della loro storia. “You’ve changed” chiarisce maggiormente l’incomunicabilità che si sta sviluppando fra i due e il tutto viene sottolineato da un suono progressivamente più sostenuto, travagliato e ripetitivo e con interpretazioni più sofferte e soffuse. Questo aspetto è più articolato e amplificato in “Old Home” che segna la definitiva rottura fra i due : “I dreaded the day that this would finally come true /but now I don’t mind sleeping alone /as long as it’s in my own home“.

Limits” ci introduce alla stagione estiva. “Fluorish” è una ballata intensa dall’elettronica poco lineare, con la voce di Stenstrom sofferente che dichiara lo stato di dolore che ha provocato il distacco. La vellutata voce di Chmielarczyk torna nella eterea e malinconica melodia di “Reconcile“: Emily espone le sue paure nel riprovare a ricostruire la storia , ma nonostante tutto sembra pensarci su. La perplessità resta anche “The Road” (le strutture elettropop emergono totalmente), con Jon che cerca di far di tutto per convincerla del contrario.

Le voci preoccupate degli amici in “Void” segnano l’ingresso nei mesi autunnali. E una grossa scossa. Ovvero la morte della protagonista. Il mood si fa più tetro, il suono più rarefatto e si può intuire subito in “Pick up the phone” e “Object Pemanence“. Nella “distruttiva” “Into the Cold” viene amplificata la spigolosità dell’arrangiamento che dona il giusto tocco di drammaticità al brano.

Snow” ci porta all’inverno e alla parte conclusiva dell’album. “All There” è uno dei pezzi con maggiore presenza di ombra ed esprime ancora una volta il senso di disorientamento del personaggio maschile. In “Windows” si tocca il culmine dell’emotività: Emily, come back to me. Please, Emily, come back to me. Una richiesta di “riconciliazione” ma decisamente differente. “Freeze” ci fa intuire che il protagonista non reggerà il dolore: I think it’s time for me to go. I don’t feel alright, I don’t feel alright, I feel myself running out of time. Ma il battito del cuore sospeso di “Epilogue“, rivela un finale aperto.

Giovanissimi, il gruppo statunitense dimostra già un notevole senso compositivo, di adattamento delle liriche agli arrangiamenti e di passaggi repentini dagli aspetti evocativi a quelli più irrequieti. Un inizio di carriera imponente che fa ben sperare per il futuro.

Voto: 7/10

Tracklist:

  • 1 · Prologue
  • 2 · Melt
  • 3 · You've Changed
  • 4 · Old Home
  • 5 · → Limits
  • 6 · Flourish
  • 7 · Reconcile
  • 8 · The Road
  • 9 · → Void
  • 10 · Pick up the Phone
  • 11 · Object Permanence
  • 12 · In the Cold
  • 13 · → Snow
  • 14 · All There
  • 15 · Windows
  • 16 · Freeze
  • 17 · Epilogue

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi