Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 15 settembre 2014

diliberto_all_waste_town

Nazario Di Liberto

All waste town

Genere: Electronic

Anno: 2014

Casa Discografica: Irma Records

Servizio di:

Nazario Di Liberto arriva da Palermo ed è uno dei nomi su cui, già a inizio 2013, avevamo deciso di puntare, presentando la sua musica all’interno della rubrica Hidden Sounds. Era da poco uscito, all’epoca, il precedente album Stasi, e già traspariva una buona personalità da parte del polistrumentista siciliano, abile ad unire le tradizioni della propria regione all’utilizzo di strumentazioni elettroniche ed effettistica sonora.

Il nuovo lavoro All waste town riprende quel percorso, mostrando però una evidente crescita a livello compositivo per il giovane Di Liberto, alle prese con suoni molto più ricchi rispetto al passato e oggi diretti verso un electro-rock pressante e a tratti vicino anche alla techno.

Proto_Tipo//3”, brano che abbiamo avuto il piacere di ospitare nella nostra ultima compilation di anteprime My AweSOMe Mixtape, apre l’album mettendo subito in chiaro la direzione intrapresa dall’artista palermitano, tra sonorità elettroniche dense e derive rumoristiche su cui va ad innestarsi un cantato ripetitivo e circolare. Elettronica che, similmente, viene utilizzata in maniera sapiente in episodi successivi come “Tokyo”, in cui una melodia quasi litanica fa il paio con ritmiche che si fanno sempre più serrate, o come “Glorious” e il suo incontro/scontro con un’impostazione di stampo electro-ambient.

Di Liberto pare così voler sperimentare le proprie armi su territori differenti tra loro, incrociando la new-wave in “Proto_Tipo//4”, caratterizzata dal testo in italiano, e “Birds”, o l’electro-pop, ora a tratti retrò in “Voices and crashes”, ora sensuale ed ipnotico in “Useless”, senza mai tuttavia perdere la bussola o cadere in pericolosi miscugli privi di senso.

Sospinti dalle percussioni ossessive di “Sign” si arriva così alla conclusione dell’album, affidata a “Proto_Tipo//2” e ad una enigmatica ghost-track, in cui ritorna l’utilizzo delle liriche in italiano e l’impianto vocale finisce triturato tra effetti e filtri di derivazione radioheadiana.

All waste town ci consegna, dunque, un Nazario Di Liberto ispirato, curioso e pronto a destare l’attenzione degli amanti del genere con un lavoro godibile e ben calibrato. La prima impressione appare oggi una piacevole conferma e non ci resta che suggerirne l’ascolto, dedicandovi tutta l’attenzione che merita.

 

Voto: 7/10

Tracklist:

  • 1 · Proto_Tipo//3
  • 2 · Proto_Tipo//4
  • 3 · Birds
  • 4 · Tokyo
  • 5 · Glorious
  • 6 · Voices and crashes
  • 7 · Useless
  • 8 · Sign
  • 9 · Proto_Tipo//2

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi