Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 8 luglio 2013

Aun_Alpha_Heaven

AUN

Alpha Heaven

Genere: Elettronica, Ambient

Anno: 2013

Casa Discografica: Denovali Records

Servizio di:

Dopo Panthom  Ghost del 2011, torna con un nuovo lavoro il duo canadese AUN che comprende i due eclettici multistrumentisti Martin Dumais e Julie LeBlanc. Si intitola  Alpha Heaven, come il precedente, è uscito per la tedesca Denovali Records.

L’album è stato registrato quasi del tutto in presa diretta: sono presenti solo piccole manipolazioni e l’overdubbing vocale. Questo non è un aspetto da sottovalutare, in quanto i due musicisti danno la sensazione di soffermarsi maggiormente sull’aspetto evocativo della loro musica. E non a caso frammenti di piano e organo giocano un ruolo non indifferente. Permangono le strutture ambient elaborate e contaminate, senza abbandonare gli elementi sperimentali (la tensione spaziale di “Vulcan“, la cangiante “Voyager”, la destrutturazione di “Return to Jupiter”), ma è chiaro che ci sia una scelta stilistica che vira verso la ricerca di un maggiore equilibrio (l’estasi di “Returna” e la sospesa “War is Near“).

Koenig”  ci pone subito davanti a questa scelta e potrete ammirare il flusso armonico creato, nonostante gli stati abrasivi che sfiorano la composizione. Anche quando l’elettronica è più massiccia, come in “Viva“, il risultato non cambia. Il loro ricamo funziona anche quando l’umore del brano è meno lucente (“La Luna“, “Floodland“). L’apice del disco, che rappresenta meglio il percorso intrapreso, è “Peacecalm”: il brano è onirico e ha il pregio di esaltare le piccole sfumature che movimentano l’apparente stasi dell’arrangiamento. Non si discosta molto “Alpha“, nella quale si cerca invano di appesantire le ritmiche e la struttura di base.

Non si può non ammettere che il duo canadese abbia fatto un egregio lavoro, sia  a livello pratico che dal punto di vista estetico. Ma l’impressione generale è che la loro idea non sia stata sviluppata con totale convinzione, aspetto che non permette la totale godibilità del disco. Tuttavia, non mancano composizioni di grandi livello come “Peacecalm” che potrebbe rappresentare il punto di partenza per completare questo percorso.

Voto: 6,8/10

Tracklist:

  • 1 · Keonig
  • 2 · Returns
  • 3 · War is Near
  • 4 · Viva
  • 5 · Vulcan
  • 6 · La Luna
  • 7 · Peacecalm
  • 8 · Alpha
  • 9 · Voyager
  • 10 · Floodland
  • 11 · Return to Jupiter
  • 12 · War is Near (Sun Glitters RMX)

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi