Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 6 febbraio 2015

Celona

Daniele Celona

Amantide Atlantide

Genere: Songwriting, Rock

Anno: 2015

Casa Discografica: NoeveRecords/Sony Music

Servizio di:

Daniele Celona, cantautore torinese di origini sarde (il brano “Sud-Ovest è dedicato proprio alla Sardegna), oserei definirlo un emblematico artista. Alterna l’attività di cantautore a quella di compositore e produttore artistico. Amantide Atlantide, il suo nuovo album anticipato il mese scorso dal singolo “La colpa“, arriva dopo l’album di esordio del 2012 Fiori e demoni.

In bilico tra il cantautore e il rocker “arrabbiatissimo”, è difficile identificare quale delle due anime abbia una maggiore influenza. In questo stato di indeterminatezza, il risultato di Amantide Atlantide (uscito il 3 febbraio) è più che piacevole:rock deciso, aggressivo e a tratti malinconico, con suo modo di cantare a volte urlato in sintonia con la stilistica strumentale, a volte “gorgheggiante” come una certa cantautrice siciliana traghettata al maschile.

Amantide e Atlantide sono due confini, sono i sentimenti dell’uomo e la società in cui si incrociano e tutto ciò che ne consegue. Inizia con “Amantide, una donna si trasforma nel tempo sotto i suoi occhi diventando una cinica donna in carriera e ciò che lui vede non gli piace. E’ la disperazione dell’amore che si cuce addosso e poi si sgretola e si adatta come un abito a chiunque abbia amato e sofferto almeno una volta per amore.

In “Precarion Celona mette proprio tutto, la rabbia di chi è giovane e non vede luci sul futuro; la rassegnazione di chi è più vecchio ma ancora spera che il futuro dei nipoti sarà migliore di quello che si intravede; la depressione, l’ansia, l’angoscia. Tutto ciò su un sound aggressivo che diventa complementare al testo. Ancora “Johannes”, un delirio di parole e musica da cui è facile farsi travolgere C’è anche una dedica agrodolce alla “sua” città (“Sotto la collina”). “Politique” è la solita politica italica che si ripete sempre uguale e Celona grida alla luna la sua rabbia. Chiude l’album “Atlantide” cantata con Levante.

Voto: 6,5/10

Tracklist:

  • 1 · Amantide
  • 2 · La colpa
  • 3 · Precarion
  • 4 · Sud-Ovest
  • 5 · Vampiri su colli di vetro
  • 6 · Johannes
  • 7 · Sotto la collina
  • 8 · V per settembre
  • 9 · Politique
  • 10 · L'oro del mattino
  • 11 · Atlantide

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi