Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

News | Pubblicato il 23 settembre 2015

Uscirà con l’etichetta salernitana XXXV, in collaborazione con Comicon Edizioni, il primo disco solista del musicista milanese. Non un semplice disco ma una vera e propria opera illustrata 

 cicc

 

Lo scorso 18 Settembre una piccola delegazione di Son of Marketing è stata invitata ad un anomalo secret concert presso lo studio di registrazione salernitano “Studio 35 Live”. Una forma sperimentale di concerto, in linea con l’ideologia che si cela dietro ai tanti progetti vincenti dell’etichetta XXXV. Dicevamo, anomalo perché il mini-live offerto da Giorgio Ciccarelli, fondatore dei Sux! e noto per la sua lunga collaborazione con gli Afterhours, è stato un banco di prova innanzitutto per il suddetto : “Stasera sarete un po’ le mie cavie”, ha avvertito sinistro in apertura alla sua esibizione. Il risultato è stato sorprendentemente positivo: Ciccarelli ha mostrato di non aver perso la sua naturale inclinazione al rock di maniera, alle chitarre distorte, alle atmosfere rutilanti eppure, nonostante i tanti anni trascorsi sui palchi di tutto il mondo, i suoi occhi tradivano un’incontrollabile emozione per la sua nuova avventura da solista: “Per rinascere, bisogna prima morire”, si legge dalla presentazione de “Le Cose Cambiano” e la sensazione è che Giorgio abbia davvero concluso un ciclo e sia pronto per “rinascere” a colpi di  parole affilate e fendenti sonori.

 

Cicc1

Foto: Fabio Monetti

Musica da disegnare. Proprio le parole, così come le immagini, ricoprono necessariamente un ruolo fondamentale nel progetto equamente condiviso da Giorgio Ciccarelli e Tito Faraci, fumettista italiano e amico fraterno del musicista salernitano. “Un’idea nata senza alcuno studio programmatico. Ci siamo incontrati casualmente dopo molti anni in cui c’eravamo persi di vista e, dopo esserci raccontati l’ultimo decennio in pochi minuti, si è riaccesa una sintonia creativa che ha portato a <<Le cose cambiano>>”, spiega cristallino Tito Faraci, che del disco in uscita il prossimo 6 Novembre ha curato la componente testuale e quella relativa alle immagini. Al fumettista originario di Gallarate è venuta, infatti, l’idea di raccontare il nuovo disco di Ciccarelli anche attraverso immagini inedite, assegnate ad altri fumettisti noti del panorama italiano del calibro di Paolo Bacilieri, Alessandro Baronciani, Bruno Brindisi, Claudio Calia, Giorgio Cavazzano, Alberto Corradi, Giuseppe Palumbo, Claudio Sciarrone, Sio, Sergio “Saccingo” Tanara, Tuono Pettinato, Silvia Ziche e Paolo Castaldi, “a volte assecondandone l’indole altre mettendo alla prova l’estro”. Ne è venuto fuori un disco corposo: arcigno nei suoni, a tratti doloroso nelle tematiche affrontate e con una componente grafica che rende ancora più intrigante la proposta dell’insolito duo Ciccarelli / Faraci.

tito fara

 

“Le Cose Cambiano”, a volte in meglio. Senza dubbio l’avventura intrapresa di Ciccarelli rappresenta una novità nel suo percorso artistico. Non soltanto per il passaggio ad un’attività prettamente solista (sostenuta dal buon Faraci) ma anche per come tutto sia nato e si stia evolvendo. In mezzo a tutto questo, però, c’è sempre Ciccarelli, quello dei Colour Moves, la mente ed il braccio dei Sux!, quello che con i suoi occhi di ghiaccio sa esattamente dove guidare le sue scariche elettriche. L’assetto sonoro del nuovo album è, infatti, robusto ed estremamente convincente. Lo è, però, a discapito anche della componente testuale che a volte quasi impallidisce sotto i fendenti chitarristi di Ciccarelli. Sicuramente è ancora troppo presto per discuterne dal momento che quella di Venerdì ha rappresentato solo un piccolo assaggio de “Le Cose Cambiano”. Non ci resta che attendere il 6 Novembre, data d’uscita ufficiale e che sancirà anche l’inizio del tour italiano.

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi