Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 6 dicembre 2012

Ummagma Antigravity

Ummagma

Antigravity

Genere: Elettronica, Post-rock, Alternative

Anno: 2012

Casa Discografica: Autoproduzione

Servizio di:

Antygravity è un titolo perfetto per descrivere gli Ummagma. La neutralizzazione di qualsiasi barriera stilistica a favore di una forte personalizzazione guidata da un’eterogeneità ben amalgamata e un’attenta cura delle sfumature.

Ummagma è un duo per metà canadese e per metà ucraino formato da Alexander Kretov (suona gli strumenti, canta, arrangia, compone) e Shauna Mclarnon (voce, composizioni e testi): l’incontro fra due culture che ha portato ad un’esplorazione ed una ricerca musicale che si è riversata nei due album di debutto Ummagma Antigravity, che potete entrambi ascoltare sulla loro pagina bandcamp. http://ummagma.bandcamp.com/

Antigravity è una sorta di concept sulla vita con focus sul senso dello spazio e del tempo che accompagnano la nostra esistenza. Come potrete notare dall’ascolto, è difficoltoso inquadrarli in uno specifico campo musicale: l’eleganza dall’elettronica fra ambient e retaggi dream-pop e post-punk, le elaborate trame del post-rock, richiami alla scena anni ’80. Un suono diversificato ma fluido che crea un’atmosfera che fa emergere una sensibilità artistica di grande spessore.

Dall’iniziale “Lama” escono subito i lineamenti ambient della loro musica condito da un leggero rumorismo che si contrappongono alla celestiale voce di Shauna. Poi i ritmi crescono, così come le distorsioni di assonanza wave. “Micro Macro” tocca il minimalismo elettronico accompagnato da un arrangiamento dall’attitudine acustica e la voce sussurrata, quasi soffocata di Alexander. 

Back to You” rappresenta una delle vette del lavoro con un’atmosfera decadente, l’alternanza delle voci, il lento incrementare dell’acidità sonora e le graduali decelerazioni che mettono in risalto accordi di chitarra poco invadenti ma efficaci. In “Kiev”, la voce della Mclarnon è sopraffatta dall’arrangiamento caratterizzato da un forte strato oscuro e con un ampliamento dell’elemento elettronica. Distorsioni e rumorismo vanno a braccetto in “Live and Let Die” con la batteria che non da tregua ritmica.

Colors” e “Photographer” ci riportano ad atmosfere più intime e fa risaltare il lato più acustico della loro musica, con la seconda citata che registra incursioni psichedeliche. I pezzi più minimalisti sono la loro forza e lo dimostra un pezzo suggestivo ed emozionante come “Beautiful Moment”. Dopo “Autumnmania” , pezzo strumentale dagli echi wave, c’è “Balkanofellini”che si fa strada fra arpeggi blues, elettronica subliminali e per l’appunto richiami alla musica balcanica. L’album si chiude i tribalismi di “Titry” il tetro dark-ambient di “1+1=3”, finale poco rassicurante e inquietante.

Siamo di fronte ad un esordio che fa emergere un talento di grande interesse e il cui sound, nei prossimi album, potrebbe prendere qualsiasi direzione con risultati che non lascerebbero indifferenti. Un suono ricamato e dettagliato in ogni suo minimo particolare dalla voce agli articolati e variegati arrangiamenti.

Voto: 7,3/10

Tracklist:

  • 1 · Lama
  • 2 · Micro Macro
  • 3 · Back to you
  • 4 · Kiev
  • 5 · Live and Let Die
  • 6 · Colors
  • 7 · Photographer
  • 8 · Beautifil Moment
  • 9 · Autummania
  • 10 · Balkanofellini
  • 11 · Tatry
  • 12 · 1+1=3

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi