Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 17 febbraio 2014

Guzzetti

Stefano Guzzetti

At Home - Piano Book (Volume One)

Genere: Neoclassical

Anno: 2014

Casa Discografica: Home Normal

Servizio di:

Vi avevamo presentato un paio di brani e finalmente possiamo occuparci del nuovo lavoro di Stefano Guzzetti. E’ un compositore, pianista molto interessante, con base operativa in Sardegna, che ha anche collaborato con Saffronkeira ed Enrico Coniglio. Si occupa anche di realizzazione di colonne sonore.

Il suo nuovo album si intitola At Home. Piano Book (Volume One) ed è uscito qualche giorno fa via Home Normal, una delle label più interessanti a livello internazionale per le numerose proposte di qualità. E anche il lavoro  di Guzzetti non delude le aspettative.

Un lavoro in cui il pianoforte è l’unico protagonista e fa emergere la maestria e la tecnica notevole del musicista sardo. L’artwork e il titolo ci suggeriscono che l’album dovrebbe essere una riflessione sulla “casa” come luogo di rifugio, di rigenerazione e di (apparente?) sicurezza. Le nove tracce attraversano momenti e sensazioni che si rincorrono, anche in relazione ad eventi esterni (l’artwork in questo senso esprime molto bene il tutto). “Plevieux“, il miglior brano dell’album, è la prova della forza del disco da questo punto di vista.

Lo stile di Guzzetti è pulito ed essenziale, un’eleganza che rimane intatta sia nei momenti più malinconici (l’emozionante “Harvest“, la tormentata “Escape“) e sia in quelli leggermente più luminosi (l’incantevole flusso di “To Sleep for a New Day “, il volo mentale di “Little Dreams”).  Con la sola forza del pianoforte riesce a costruire momenti colmi di atmosfera sospesa (pensate a brani come “That Said” e “Unhappy“), dando il giusto peso agli spazi.

Stefano Guzzetti si dimostra non solo un musicista eccezionale ma anche un compositore dotato di un’elevata sensibilità artistica: note di pianoforte che si trasformano in un racconto dalla forza narrativa notevole. Uno dei casi in cui lo strumento è più forte della parola.

Voto: 7/10

Tracklist:

  • 1 · To Sleep for a New Day
  • 2 · The Road To You
  • 3 · Harvest
  • 4 · Pluvieux
  • 5 · Escape
  • 6 · Unhappy
  • 7 · Little Dreams
  • 8 · Haiku
  • 9 · That Said

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi