Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 28 febbraio 2015

mapuche

Mapuche

Autopsia

Genere: Songwriting

Anno: 2015

Casa Discografica: Viceversa Records

Servizio di:

Torna a circolare oltre i border dell’underground la poetica “nuda e strampalata” del cantautore Enrico Lanza in arte Mapuche, una forma artistica squadrata come un goniometro rettangolare che canta, straccia, urla, racconta come un fondo di bicchiere tutte le metafore melodiosamente “out” gettate fuori dagli angoli sconnessi di una oniricità fradicia di umanità e storie storte.

Autopsia è il titolo, e le dieci tracce che fanno ossatura della tracklist sono le accattivanti doti di una ossessione poetry attraversata da suggestioni, calcoli, fili illogici e immediate esigenze che intrigano, ti si appiccicano addosso come una pece goliardica dalla quale se all’inizio l’ascolti in tralice poi si fa sfacciatamente tua, e da li al feeling a pelle diventa un tutt’uno con la tua parte “incosciente” del pensiero, ti ci culli, ti auto coccoli e ne fai la personalissima vitale cantilena della tua ombra lucida.

Ballate, abbellimenti folk, chitarra acustica, glock, violino, harmonium, farfisa, e tutto quello che può contribuire a tintinnare in questo ammasso di sogni in verticale, sono le fedeltà strumentali di un disco semplice e “psichedelico” nel senso stretto di non conformità alle mode “alternative”, disco schietto come lo è la follia dei grandi corner’s dreamers, volatile e sganciato da tutto e tutti. Prodotto da Alessandro Fiori (in cui suona attivamente) e  con la partecipazione di ospiti a pixellare di suoni la tracklist, Autopsia è una piccola goduria inafferrabile, quei lavori alieno/anarchici che, se ci si concentra nel punkyes turbato di “Scegli me”, con la confessione personale di “Bassifondi”, attraverso l’intimità di una storia gracile “Son finito nel tuo armadio” o nel walzerino col broncio che vive nella “titletrack”, possono davvero farti svoltare una manciata di tempo in una giornata emaciata, ricca di niente e povera di illusioni.

Mapuche For President.

Voto: 6.5/10

Tracklist:

  • 1 · Soltanto il peggio
  • 2 · Scegli me
  • 3 · Il chiodo
  • 4 · Bassifondi
  • 5 · La responsabilità civile
  • 6 · Primo discorso
  • 7 · Secondo discorso
  • 8 · Son finito nel tuo armadio
  • 9 · Mr sophistication
  • 10 · Autopsia

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi