Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 6 giugno 2013

Bicephalous

Huge Molasses Tank Explodes

Bicephalous

Genere: Alt-rock

Anno: 2012

Casa Discografica: Autoprodotto

Servizio di:

Con alcuni dischi bisogna avere pazienza e perseveranza. Il disco degli Huge Molasses Tank Explodes ha avuto un primo impatto non felicissimo. Ma prima soffermiamoci su qualche nota biografica. Dopo varie esperienze in altri gruppi, i tre componenti danno vita a questo progetto milanese: la formazione comprende  Gabriele Arnolfo (batteria, voce), Fabrizio De Felice (chitarra, voce) e Luca Sacanna (Basso, Voce):

Bicephalous è l’esordio discografico ed è stato registrato in presa diretta, aspetto da non sottovalutare. La loro musica attinge dal pozzo di quasi tre decenni e che si radica soprattutto nelle strutture alt-rock spaziando da sonorità robuste sino ad aperture più melodiche. Riprendendo il discorso iniziale, il disco cresce con il passare dei minuti e col passare degli ascolti.

Infatti l’1-2 iniziale, con “Assurances” e “Foiled“, non rende l’idea di quello di cui sono capaci: due pezzi con un bel tiro ma abbastanza anonimi. La prima ventata arriva con “A Maze” con una rocciosità ricercata e trovata. La stessa corposità che si trova anche in “Uneven“. E a seguire arriva uno dei migliori brani dell’album  ovvero “Enclosures” che gioca molto sulla ruvidità e una certa irregolarità ritmica. Un brano, che anche per lo stile vocale (così come “Realeyes“) e aprroccio, mi ha fatto pensare ai Modest Mouse.

Il gruppo sembra anche cavarsela nei momenti più fruibili e melodici e infatti “K.Y.C.” scorre molto piacevolmente. Un discorso simile si potrebbe fare per “Wait for Today” che però intensifica l’andamento e per la prima parte di “The Deceit” che invece esploderà nel finale.

Una progressione verticale fra una traccia e l’altra che ha messo in mostra, oltre che l’indiscutibile tecnica, la loro capacità di mescolare le carte dell’impasto compositivo. Derivativi all’ennesima potenza, ma con niente fuori posto.

Voto: 6,5/10

Tracklist:

  • 1 · Assurance
  • 2 · Foiled
  • 3 · A Maze
  • 4 · Enclosures
  • 5 · K.Y.C.
  • 6 · Realeyes
  • 7 · Wait For Today
  • 8 · Uneven
  • 9 · The Deceit

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi