Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 10 novembre 2014

cover toys definitiva

A Toys Orchestra

Butterfly Effect

Genere: Alt. Rock

Anno: 2014

Casa Discografica: Urtovox / Ala Bianca

Servizio di:

Per il loro sesto album in studio gli A Toys Orchestra hanno scelto di fare le cose in grande, così, appena terminato il tour celebrativo del sesto anno di Technicolor Dreams, la band salernitana è volata in Germania alla corte di Jeremy Glover (già con Liars e Crystal Castles), per dedicarsi alle registrazioni di Butterfly Effect.

Soluzioni innovative inserite in un contesto compositivo ormai consolidato e ben riconoscibile e l’ingresso nella formazione del polistrumentista Julian Barrett segnano quello che è l’ennesimo gradino verso un posto di rilievo nella scena internazionale per la band di Enzo Moretto, Ilaria D’Angelis, Raffaele Benevento e Andrea Perillo, ormai pronti al meritato salto di qualità anche oltre confine.

Butterfly Effect tiene, come detto, fede agli stilemi classici dei nostri, ma arricchisce il quadro di nuove tinte, che strizzano l’occhio ora al synth-pop ora a più festose atmosfere di ispirazione eighties, passando per immancabili ballads e ritornelli epici.

Irresistibili risultano le dinamiche delle tre tracce di apertura “Made to grow old”, ”Fall to restart” e il singolo “Always I’m wrong”, che ben si presterebbero ad un party a base di musica rock, mentre “My heroes are all dead” e “Quiver” si calano in sonorità più intimiste tipiche della ballata pop-rock, che cresce con lo scorrere dei minuti fino a travolgere in maniera imprescindibile l’ascoltatore.

Pur pagando dazio agli Arcade Fire, “Mirrorball” tiene alta l’asticella del coinvolgimento, per dare quindi spazio alle esplosioni di “Wake me up”, “Come on, get out” e “Mary”, ottimi esempi di quello che è in pieno lo stile A Toys Orchestra, fatto di impetuose cavalcate sonore e momenti deflagranti ricchi di pathos, prima di scivolare verso le due tracce di chiusura, “Take my place” e “Around the world”, che sembrano legarsi l’una all’altra seguendo percorsi similari ma indipendenti, in un’uscita di scena dinamica ed affascinante.

Con Butterfly Effect, gli A Toys Orchestra arricchiscono il proprio percorso forse non di un punto di svolta ma di un ulteriore tassello, sintomatico di una crescita costante fondata su quei pilastri ormai più che solidi, che, come accade per le band più significative, da anni abbiamo imparato a conoscere.

Voto: 7,3/10

Tracklist:

  • 1 · Made to grow old
  • 2 · Fall to restart
  • 3 · Always I'm wrong
  • 4 · My heroes are all dead
  • 5 · Mirrorball
  • 6 · Wake me up
  • 7 · Come on, get out
  • 8 · Quiver
  • 9 · Mary
  • 10 · Take my place
  • 11 · All around the world

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi