Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 3 luglio 2013

The Nine Tears

The Nine Tears

Candid Shade of Pleasure

Genere: Dark-Wave

Anno: 2013

Casa Discografica: The Holy Hour Records

Servizio di:

Sono passati due anni da quando vi abbiamo parlato dell’ep Undressed of Flesh, primo lavoro dei Nine Tears. Il gruppo foggiano rinforza la formazione, da terzetto a quartetto:  Michele Perrella (voce, tastiere, drum programming), Gerardo Konte (Cyber manipulator, Backing vocals), Carlo Baldini (basso) e Gene Crazed (chitarra).

Il nuovo  album (il primo full-lenght) Candid Shade of Pleasure conferma quanto detto di buono sulla band con nuove prospettive all’orizzonte. Con una produzione migliorata, la band abbandona quasi totalmente i ritmi sostenuti (“Princess Mystery” e ”Passover” sono le uniche eccezioni) e si concentra sulle sfumature darkwave della propria musica. La focalizzazione è rivolta su più aspetti: su una maggiore cura delle parti strumentali (I’m in your eyes” o la progressione di “Will You”), sulla parte intima del loro sound incrociata con una accentuata ruvidità (“At the edge of your Diamond Eye“) che caratterizza buona parte dei brani. E naturalmente resta intatto il potere evocativo dell’interpretazione vocale che si esalta soprattutto nei momenti più distesi (pensate all’intensità emotiva della finale “Bitter Words” o alla solennità di “Black Heart“).

Questo aspetto si lega alla teatralità delle composizioni, una delle caratteristiche più apprezzabili della loro musica e un brano come “E.R.M.O.Y” è una delle prove più concrete. “I Sleep Alone” vede un rafforzamento dell’arrangiamento supportato da un bel “gioco” di incroci vocali. Un percorso simile viene seguito in “Just Want You” ma con un suono più ovattato e un andamento non regolare.

L’aspetto che emerge in maniera evidente è una ricercata omogeneità globale a fronte di piccoli movimenti del tessuto interno delle composizioni. Un altro passo verso il distaccamento dai propri punti di riferimento (ovviamente ancora presenti), verso sound che sembra procedere verso soluzioni stilistiche più personali e meno derivative. Da rivedere la buona scrittura, ma che in alcuni casi perde di consistenza, impatto e originalità.

Voto: 6,5/10

Tracklist:

  • 1 · Show
  • 2 · Princess Mystery (feat. Momo)
  • 3 · E.R.M.O.Y.
  • 4 · At the edge of your Diamond Eyes
  • 5 · I Sleep Alone (feat. Vidreep)
  • 6 · I'm in Your Eyes
  • 7 · Will You (feat. H.E.R.)
  • 8 · Black Heart
  • 9 · Just Want You
  • 10 · Passover
  • 11 · Bitter Words

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi