Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 10 giugno 2013

Mount-Kimbie-Cold-Spring-Fault-Less-Youth

Mount Kimbie

Cold Spring Fault Less Youth

Genere: Elettronica

Anno: 2013

Casa Discografica: Warp Records

Servizio di:

Tra i dischi che hanno marcato il 2010 possiamo annoverare il debutto dei britannici Mount Kimbie (Kai Campos e Dom Maker)Crooks & lovers, con il suo guardo al movimento dubstep del decennio passato e uno sguardo al futuro, ha anticipato (seppur allo stato “grezzo”) il cambiamento che sarebbe avvenuto per quanto riguarda il movimento elettronico.

A tre anni da quel lavoro si ritrovano nel mezzo di una rivoluzione del genere e a loro modo non perdono la scia, interpretando in maniera impeccabile, a proprio modo, questo cambiamento. Cold Spring Fault Less Youth (uscito a fine maggio su Warp Records), che si arricchisce della strumentazione acustica, dimostra di avere tutti gli elementi della contemporaneità della musica.

C’è prima di tutto la contaminazione nella contaminazione: le sfumature hip-hop evidenti nei contributi di King Krule nella raffinata “You Took Your Time” e in “Meter, Pale, Tone“;  le trame ambient (la prima parte di “Break Well“, l’oscura “Lie Near“) sino alla naturale predisposizione per i pezzi che ricercano andamenti sostenuti (“Made to Stray“, “Slow“), nonchè le sperimentazioni degli stessì ritmi (“Blood and Form“, le stratificazioni di “So Many Times, So Many Ways“, il puzzle armonico di “Fall Out“).

E poi c’è un riconoscimento dell’importanza della vocalità all’interno della composizione (pensate all’apertura con “Home Recording“ ) e questo risulta un elemento di novità. Questo aspetto è naturalmente legato alla trama pop che caratterizza alcune composizioni, più come concetto che come e vera e propria struttura (“Sullen Ground” rende abbastanza l’idea nonostante la sua granulosità). E questo si inserisce perfettamente nel quadro moderno del movimento elettronico e non solo.

La bravura sta anche nel saper assorbire il mondo che ci circonda, studiarlo e riproporlo in un modo proprio e che esalti la propria personalità. I Mount Kimbie si sono dimostrati, ancora una volta, efficaci nell’assolvere questo compito e non si può negare che siamo davanti a delle eccellenze nella categoria di riferimento.

Voto: 7,3/10

Tracklist:

  • 1 · Home Recording
  • 2 · You Took Your Time (feat. King Krule)
  • 3 · Break Well
  • 4 · Blood and Form
  • 5 · Made To Stray
  • 6 · So Many Times, So Many Ways
  • 7 · Lie Near
  • 8 · Meter, Pale, Tone (feat. King Krule)
  • 9 · Slow
  • 10 · Sullen Ground
  • 11 · Fall Out

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi