Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 17 ottobre 2014

Drink to me

Drink To Me

Bright White Light

Genere: Elettronica

Anno: 2014

Casa Discografica: 42 Records

Servizio di:

La verità è che ne avevamo tutti bisogno. A due anni da S i Drink To Me tornano con un nuovo disco e non deludono assolutamente le attese. Nel mezzo il progetto solista di Marco Bianchi che col moniker Cosmo ha pubblicato un bel disco e girato tutta l’Italia nell’ultimo anno. Il cambio di formazione con Carlo Casalegno che ha salutato tutti e ha lasciato il posto a di Pierre Chindemi (già membro della band nei primi lavori dei Drink To Me) ha accentuato la presenza dei synth rispetto allo scorso disco. Bright White Light è un disco solare, carico di suoni e voci che si rincorrono su un tappeto di synth e arpeggiatori, pieno di suoni in saturazione melodie irresistibili. Al centro c’è la voce di Marco, bella e delicata come sempre che si muove su linee irregolari e incerte.

Si parte dall’infinito, “Endless Endless si muove lentamente con una batteria al galoppo, synth che si alzano pian piano da terra e la consapevolezza che è passato troppo tempo da un ultimo incontro tra amici che, come dice Eliot “In my end is my beginning” e allora tutto quello che è stato e che sarà è fagocitato dal tempo stesso, come un battito di ciglia che dura una vita intera. Il primo singolo rilasciato dai Drink To Me è “Bright”, forte di un inciso bello e cadenzato basato sulle ripetizioni che si alterna una strofa in ascesa disegnata dalla linea melodica di Marco.

Si passa così dal sapore anni ’80 di “No Treasure al ritornello chillwave di “Treehouse avendo come comune denominatore l’imprevedibilità; in “Wild” (con un inciso delicato e semplice che denota tutta la classe dei Drink To Me) c’è una voce fuori campo che fa il verso al ritornello che poi riprende netto e forte  ed è un piacere perdersi nelle modulazioni sintetiche del finale. Allo stesso modo la linea di basso in Secret” è tanto bella quanto l’apertura del refrain.

Bright White Light è semplicemente un bel disco, il ritorno di classe di una delle band indie italiane più talentuose al momento. A novembre i Drink To Me inizieranno il loro tour, mancare sarebbe come perdersi la festa più bella del weekend.

Voto: 7,5/10

Tracklist:

  • 1 · Endless Endless
  • 2 · Bright
  • 3 · Wild
  • 4 · Twenty-Two
  • 5 · White
  • 6 · Secret
  • 7 · No Treasure
  • 8 · Treehouse
  • 9 · Light
  • 10 · Ecstatic

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi