Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 13 dicembre 2014

Shellac

Shellac

Dude Incredible

Genere: Noise-Rock, Math-Rock

Anno: 2014

Casa Discografica: Touch and Go

Servizio di:

Due scimmie in copertina prese a darsele di santa ragione già possono dare una discreta misura di quella che è la dichairazione d’intenti di Steve Albini nel suo ritorno sulle scene da Excellent Italian Greyhound, targato 2007. Scimmie che avrebbero potuto benissmo essere scoiattoli se ricordate “Squirrel Song”, come del resto pure il colore dell’artwork richiama quello della pietra milare di due decenni fa “At Action Park”.
Ed è così che, fortunamente, ritroviamo lo stesso Steve che avevamo lasciato, anzi più in forma che mai, dare una lezione di asciuttezza di stile e di incazzatura vera ai giovincelli di oggi, fregandosene totalmente della campagna di promozione del disco, quello che conta è la musica. Musica che è stata testata negli sporiadici live e messa insieme in questi ultimi anni di lavoro nel proprio studio di registrazione.

Partono le prime note della title-track ed è come ritrovare un vecchio amico, quella inimitabile miscela di math e noise rock minimalista interpretato con una intransigenza post hardcore che è poi il suo marchio di fabbrica, intrecci al vetriolo perfettamente dosati pongono i tre strumenti in equilibrio totale. Mentre si declamano come una dichiarazione di guerra le comunarde vicende delle scimmie di cui sopra; “Essentially, the song is about a pack of male monkeys trying to get laid.” Ah, ecco.

In maniera semplicemente geniale “Complaint“, minimalista e astratta, scandisce un disturbo ossessivo compulsivo presentando geometrie sonore altrettanto ossessive, mentre la sventagliata noise “You Came In Me” credo che non necessiti di troppe spiegazioni sul significato: “It’s a fairly straightforward song about sexual intercourse.” Quando cominciamo a pensare che dopo tutto manchi un po’ di imprevidibilità ecco arrivare “Riding Bikes” nella quale basso e chitarra si scambiano i loro classici ruoli nel tessere melodia e ritmo, i tempi rallentano e in una più meditativa e oscura trama post-rock Albini evoca storie di vandalismo giovanile (“You’re not just riding bikes, you’re having adventures, you’re breaking things, you’re stealing things, you’re causing minor vandalism — all that sort of stuff.”). Adorabile insomma. Un altro pezzo cadenzato è “Gary” dove come in passato (Jordan, Minnesota) ci si focalizza su una piccola cittadina Americana, tenendo alta la tensione. Tra pezzi brevi o strumentali emerge la sotto-trama degli agrimensori (“Surveyors“): un sottile riflessione politica sui padri fondatori, dalla nascita del paese a oggi, tra progresso e rivolta, aggregazione e insubordinazione delle masse controllate dall’alto da padroni invisibili.

Al termine dell’album si può dire di sentirsi rassicurati nel constatare come ancora oggi dopo anni e anni di attività, l’integralità morale e artistica, vero e proprio credo, di Steve e compagni (Todd Trainer alla batteria, Bob Weston al basso per una sezione ritmica semplicemente senza eguali) sia ancora la stessa, suoni ancora dannatamente alla stessa maniera, non perdendo nulla della propria indipendenza. Rimandedo comunque attuale e trovando ancora qualcosa che valga la pena di essere detto/suonato, con la stessa cattiveria e vitalità. Un esempio per tutti, e in tempi in cui gli esempi positivi scarseggiano non è poco. Una botta di vita fa sempre bene, se poi sono gli Shellac con le loro mazzate a dartela allora sei a posto per un bel pezzo.

Voto: 8/10

Tracklist:

  • 1 · Dude Incredible
  • 2 · Compliant
  • 3 · You Came in Me
  • 4 · Riding Bikes
  • 5 · All the Surveyors
  • 6 · The People's Microphone
  • 7 · Gary
  • 8 · Mayor/Surveyor
  • 9 · Surveyor

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi