Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 16 agosto 2012

K.Lone

K.Lone

Enchantment

Genere: Elettornica, Ambient, Sperimentale

Anno: 2012

Casa Discografica: Marte Records

Servizio di:

Chi l’ha detto che l’elettronica non possa avere un cuore? Che macchine all’apparenza così fredde e distaccate non possano generare dimensioni virtuali idilliache e incantevoli?

 “Incanto”, sì, ecco il termine adatto. Quello stesso incanto che dà il titolo al primo lavoro a nome K.lone del salernitano Anacleto Vitolo, classe 1985, già attivo come dj e produttore hip-hop con i progetti Framedada e Kletus Kaseday e oggi alle prese con un’elettronica minimalista e poetica, fatta di sonorità quanto mai ariose, vicine all’ambient e al glitch.

Quello in cui si entra con Enchantment (in free streaming nella pagina Bandcamp di K.lone) è un mondo immaginario, meditativo, costruito ad arte su suoni vicini e mai invadenti e su ritmiche cadenzate che diventano fraterni soffi di brezza su cui lasciar correre liberi i propri pensieri. Undici tracce che si presentano come un’unica, intera visione onirica, nella quale appare difficile scindere le singole parti, abbandonati come si è al delicato scorrere della musica sin dalle prime battute, con i due brani d’apertura che sembrano – anche in virtù dei titoli – esplicitamente invitare all’annullamento di qualsiasi stato mentale (“Reset”) e ad iniziare un viaggio verso luoghi inesplorati (“Bon voyage”).

Strutture ora scheletriche (“Blank page”), ora vicine ad ambientazioni post-rock (“Cat redux!”), slanci fiabeschi (“The clouds”) e abbaglianti fasci di luce intermittenti (“Remember the first love”), ci si muove sempre in uno stato di sospensione che rende piacevolmente impalpabile tutto ciò che ci circonda, senza comunque disdegnare l’affondo in più solidi territori di derivazione trip-hop (“Waitin’ for you”) e drum’n’bass (la coda in cui sfocia il pezzo di chiusura “Ashes in the sea”).

Passo dopo passo, Enchantment mostra tutte le potenzialità per trasformarsi in un avvolgente sottofondo musicale per animi riflessivi persi nei meandri della propria psiche o, più semplicemente, a caccia di evasioni dalla sterile materialità che prospera tutt’intorno. Elettronica sì, ma dal cuore puro e un’attitudine al sogno e alla nostalgia alla quale abbandonarsi senza pensarci su due volte.

Voto: 7/10

Tracklist:

  • 1 · Reset
  • 2 · Bon Voyage (feat. Angelo Forlenza)
  • 3 · Cat Redux! (feat. Emilio Cataldo)
  • 4 · The Clouds
  • 5 · The K angle (feat. Angelo Forlenza)
  • 6 · Enchantment
  • 7 · Blank page
  • 8 · Remember the first love
  • 9 · Axiom (feat. Massimo Barrella)
  • 10 · Waitin' for you (feat. Roberto Perotti)
  • 11 · shes in the sea

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi