Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 16 luglio 2013

cover Euphoria

Neiv

Euphoria

Genere: Darkwave, Dreamgaze

Anno: 2013

Casa Discografica: Autoproduzione

Servizio di:

“ dreamy, dreary and noisy“. E’ così che i Neiv descrivono il loro nuovo album Euphoria. Il terzetto lombardo torna a due anni dal suo esordio Claire Always Travels. Il nuovo lavoro, come già vi avevamo detto in occasione dell’anteprima streaming,  è stato prodotto da James Aparicio (Depeche Mode, Nick Cave, Mogwai) e Giorgio Gagliano e registrato interamente su nastro per conservare un suono integro.

Come suggerisce l’artwork e come loro stessi hanno dichiarato, questa seconda tappa del percorso del gruppo segna un’evoluzione del suono. Infatti il mood cupo e l’impostazione prevalentemente wave del primo disco fanno spazio a una maggiore ricerca delle sfumature (l’apparato melodico di “The End at the beginning” e “A Northstar For A Daydreamer”), spesso contrastanti tra di loro. Un suono indefinito, a volte impalpabile e nel quale convivono atmosfere oniriche con strati graffianti, la cui fusione da forza al messaggio e all’apparato globale delle composizoni.

L’iniziale “Gryla” è solenne, lavora molto sulla distensione del suono e costruisce quella dualità a cui avevamo accennato. Questa “lotta” si ripropone anche quando le ritmiche diventano sostenute e questo aspetto si può apprezzare in brani come “We Own this Night” e “Isola“.

Gli equilibri vengono rimescolati in “The Other Side of You” (così come in “Human Fight“), nel quale emerge la performance vocale su strutture che risaltano il lato più “sintetico” della loro musica.  Tra i migliori brani dell’album c’è “Turn back This Time“: discontinua nei ritmi, emozionante e profonda nelle decelerazioni e “abrasiva” al punto giusto per esaltare le ruvidità.

I Neiv si ripresentano con un arricchimento del suono che resta radicato nei punti di riferimento, ma affina la “firma” personale del gruppo: ovvero quella fluidità e quel senso di indefinito e movimento interno alla composizione che incrementa l’efficacia comunicativa.

Voto: 7/10

Tracklist:

  • 1 · Gryla
  • 2 · The End at the beginning
  • 3 · We Own This Night
  • 4 · Isola
  • 5 · The Other Side of You
  • 6 · Turn back This Time
  • 7 · Human Fight
  • 8 · A Northstar For A Daydreamer

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi