Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 4 luglio 2013

WolfPeople_Fain_lores

Wolf People

Fain

Genere: Progressive, Folk-rock

Anno: 2013

Casa Discografica: Jagjaguwar

Servizio di:

Omaggio alla propria terra? Oppure a un determinato periodo musicale e ai propri punti di riferimenti? Forse un po’ di tutto questo, ma il nuovo album dei londinesi è la celebrazione di se stessi, del proprio talento, della propria versatilità e la capacità di veicolare questi pregi.

Fain, a tre anni da Steeple, sviscera tutta la passione di Jack Sharp per la musica a cavallo fra la fine degli anni ’60 e gli inizi degli anni ’70. Ma non si tratta solo di far rivivere un’epoca (e una nazione, in quanto i riferimenti sono soprattutto ai protagonsiti conterranei): è un’operazione molto più complessa che cerca una struttura, una forma che riesca a far convivere (in modo esemplare) tutte le anime che si incontrano nella composizione.

L’impostazione prevalente è quella progressive che è radicata in tutti i brani (“When The Fire Is Dead In The Grate” è la manifestazione più evidente per la sua evoluzione); ma sono anche evidenti i riferimenti al British Folk (livelli altissimi nei momenti più raccolti di “Hasperus” e la successiva “Answer”, con l’affascinante incrocio di voci) e non mancano le incursioni di stampo hard-rock (l’irruenza e il graffio di “Athol” e la prepotenza di alcuni passaggi di “NRR“).

Un disco dinamico ma che non perde mai la sua essenza. E lo dimostrano i brani iniziali “Empty Vessels” e ” All Returns” , brani dalla struttura solida ma che interagiscono su diversi binari.  Non meno importante è la perfetta intepretazione vocale di Sharp, solenne e calibrata, e che si esalta in un brano irregolare come “Thief“, soprattutto nei momenti più scarni della composizione.

La band londinese con questo nuovo lavoro consacra quanto già di buono aveva fatto sentire nel precedente album; con Fain si superano e dimostrano l’ampiezza della loro personalità, la capacità di imprimere una nuova luce a un suono storico ma pur sempre vivo. L’aspetto centrale è l’aver individuato come tratto originale l’arte delle rielaborazione che concretizza la tecnica e l’isprazione creativa del gruppo.

Voto: 7,3/10

Tracklist:

  • 1 · Empty Vessels
  • 2 · All Returns
  • 3 · When The Fire Is Dead In The Grate
  • 4 · Athol
  • 5 · Hasperus
  • 6 · Answer
  • 7 · Thief
  • 8 · NRR

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi