Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 22 novembre 2013

AZLP0009 LP artwork

Melt-Banana

Fetch

Genere: Noise, Pop-noise, Power-violence-pop, Post-punk

Anno: 2013

Casa Discografica: A-Zap Records

Servizio di:

Non riuscirò mai a spiegarmi perché le ossessioni musicali hanno questa ciclicità. Forse dipenderà dall’eclettismo di una persona, o dal suo comportamento ossessivo convulsivo. E’ questo quello che penso quando ascolto i Met-Banana. Questa band post-noise-punk dal 1993 è così, una continua ciclicità ossessivo-convulsiva che non ha fine.

Fetch è il loro decimo album in studio e ci sono voluti ben 6 anni per portarlo a termine. quindi l’aspettativa non poteva che essere elevata. Al microfono sempre Yako aka Onuki Yasuko, al basso Rika Hamamoto e alla chitarra Ichirou Agata. Agata sta anche dietro ai numerosi complementi elettronici e effetti molto usati dalla band, coniderando anche l’assenza della batteria, questo è un tratto distintivo della loro sonorità. La voce di Yako che sembra una bambina che urla e la commistione di background punk ed elettropop che sfocia inesorabilmente in retaggi J-pop rappresentano altri punti di forza di questo nuovo lavoro. Si apprezza soprattutto quando il disegno, l’architettura , che sta dietro all’album viene rivelata in maniera egregia.

La lettura di questo album la voglio iniziare dalla fine perché è l’ultima traccia ‘Zero‘ quella che più incarna lo spirito dall’album, una meravigliosa dimostrazione di pop-punk melodico, e tanto meglio è la ‘Zero+‘, introduttiva a metà album. ‘Candy Gun‘ ci offre un piacevole intro elettrico che ci guida verso l’interpretazione di Yako, con la sua voce, una delle più iconiche che abbia incontrato. SegueInfection Defective‘, la quale anche’essa è caratterizzata da una componente elettronica veramente predominate. ‘Schemes of the talis‘ nella parte centrale si stabilizza con un riff ripetitivo che si scompone alla fine nella maniera più disordinata e rumorosa; risulta la perfetta prefazione per la seguente ‘Lies Lies Lies‘, densa e super noise.

Dopo 20 anni di carriera i Melt-banana ritornano con qualcosa che sta bene ora e stava bene allora, con la solita poliedricità e un notevole spirito di adattamento; emerge una certa freschezza e appeal verso quelli che cercano un equilibrio fra qualcosa di nuovo e la stabilità attraverso l’attualizzazione della composizione. Se il J-Pop e il Punk avessero un figlio il risultato sarebbero di certo i Melt-Banana.

Voto: 8,5/10

Tracklist:

  • 1 · Candy Gun
  • 2 · The Hive
  • 3 · Vertigo Game
  • 4 · Lefty Dog (Run, Caper, Run)
  • 5 · Infection Defective
  • 6 · My Missing Link
  • 7 · Zero+
  • 8 · Schemes Of The Tails
  • 9 · Lie Lied Lies
  • 10 · Red Data, Red Stage
  • 11 · Then Red Eyed
  • 12 · Zero

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi