Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 10 dicembre 2014

Tony_Allen_-_Film_Of_Life_535_535_c1

Tony Allen

Film of life

Genere: Funky

Anno: 2014

Casa Discografica: Harmonia Mundi

Servizio di:

Uno di quei toccasana sonanti che ti scardinano il plesso solare, l’anima e l’irrefrenabile bramosia di groove, groove e ancora groove. Adorato da Brian Eno, divinità spirituale per altre divinità quali Flea e Sèbastien Tellier, Tony Allen, il “vegliardo batterista” (74 anni suonati nel vero senso della parola) nigeriano, invece di stare a godere le giornate di meritato riposo, seguita ad inondare il mondo con i suoi equilibrismi d’alta quota funky meticciati a dovere, un crocevia di suoni, timbri, down tempo, melodie e sangue caldo che fanno scuola e “cattedra” all’infinito.

Film of life è il nuovo incunabolo dell’artista africano, tredici tracce di frenesie brassing, vibrazioni sudate e quegli insert elettronici che rendono l’ascolto un viatico spirituale verso un qualcosa di impalpabile, inarrivabile. Definito dalla critica mondiale come uno dei migliori caratteristi del “battere le pelli”, Allen non si accontenta di dare vita e forma a stuzzicanti percussionisti d’amblè, piuttosto cerca nuove strade espressive, altrettante vie d’uscita per trasformare e indagare il cosmo del ritmo, e questo album ne è  prova e consapevolezza, il riuscito colpo d’occhio su cui l’artista scatena tutta la propria tecnica e curiosità, fin tanto che l’ascoltatore prende a ballare come impossessato da divinità e paradisi ancestrali.

Molti gli ospiti nella tracklist tra cui Damon Albarn in “Go back” e Manu DIbango in “Mojo”, e molti i motivi per lasciare momentaneamente il corpo affisso alla gravità quotidiana, basta sintonizzarsi – tra le tante – sulle onde magnetiche di “Tiger’s skip, tra le sperimentazioni jazz-funky “Ewa”, tuffarsi negli anni 70s in quel di Miami “Afo kunnfu beat” o lasciarsi cullare piacevolmente da “Tony Wood”, regno incontrastato di African dubbing che chiude un disco da 110 e lode.

La classe non è acqua, e come si può dargli contro.

Voto: 7/10

Tracklist:

  • 1 · Moving on
  • 2 · Boat journey
  • 3 · Tiger's skip
  • 4 · Ewa
  • 5 · Afo kunffu beat
  • 6 · Koko dance
  • 7 · Go back
  • 8 · Ire omo
  • 9 · African man
  • 10 · Tony Wood
  • 11 · Na bangui
  • 12 · Mojo
  • 13 · Insider

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi