Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 23 marzo 2015

big noble

Big Noble

First Light

Genere: Ambient, Soundscaping

Anno: 2015

Casa Discografica: Affiliates Sound

Servizio di:

Big Noble è il side project di Daniel Kessler, chitarrista degli Interpol. Il progetto coinvolge anche il sound designer Joseph Fraioli.  Il duo ha debuttato il 3 Febbraio con l’album First Light (release solo digitale). Le radici di questo progetto risalgono al 1999: Daniel Kessler dirigeva Caipirinha, label di musica elettronica e sperimentale e incontrò Friaoli in occasione della release del suo primo album con il moniker Datach’i. Successivamente le due carriere sono proseguite su due fronti diversi e nel 2008, dopo la collaborazione per una colonna sonora di un film, i due si ritrovano a collaborare per il progetto Big Noble. Il tutto è stato registrato nell’appartemente di Kessler a New York: il musicista statunitense ha lavorato soprattutto sull’improvvisazione con la chitarra e Fraioli ha provveduto alla “manipolazione” con sintetizzatore modulare e field-recordings.

A proposito del lavoro finale,  Fraioli lo ha definito “immersive, perspective changing, intimate.” e ha aggiunto, “Sonically a lot of the arrangements feel technically vast; however, there’s an intimacy that I hope listeners will find addictive to escape within.”. Un obiettivo preciso: quello di immortalare l’intimità, di proiettarla nel mondo dell’ascoltatore ma in una prospettiva di soundscaping e non di isolamento. Una connessione con il mondo che parte dal proprio io. “Atlantic Din“, da questo punto di vista, è quello che regala un’esperienza totale.

Il risultato è apprezzabile e naturalmente è dominato da strutture ambient (gli standard di “Ocean Picture”, “Peg“, la crescita di “Vikings“) in cui si riconosce subito il marchio di fabbrica della chitarra interpoliana (le atmosfere di “Affiliates“, la malinconia di “Autumn“) e il contemporaneo tentativo di creare qualcosa di suggestivo e che sia una ricerca piuttosto che una riproposizione (il tremolio di “Pedal” e nel finale di “Weatherman Accountable“, la minuziosa e impercettibile frammentazione di “Stay Gold“).

Le dieci tracce sono apprezzabili nelle intenzioni e nelle modalità di realizzazione. L’obiettivo prefissato è raggiunto e da questo punto di vista l’album risulta compiuto. Tuttavia, non si può negare che i due musicisti non portano nessuna novità alla trama in cui si cimentano ma questo non rende meno nobile il lavoro svolto.

Voto: 7/10

Tracklist:

  • 1 · Ocean Picture
  • 2 · Stay Gold
  • 3 · Autumn
  • 4 · Atlantic Din
  • 5 · Affiliates
  • 6 · Pedal
  • 7 · Weatherman Accountable
  • 8 · Peg
  • 9 · Traveler
  • 10 · Vikings

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi