Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 23 aprile 2013

Gli Altri

Gli Altri

Fondamenta, Strutture, Argini

Genere: Hardcore, Noise, Post-Rock

Anno: 2013

Casa Discografica: Taxi Driver Records,
DreaminGorilla Records,
QSQDR, Savona Sotterranea,
Rude Records, Bus Stop Press,
Bori Punk Asso, Collane Di Ruggine,
Buridda Distro, Salterò Autoproduzioni

Servizio di:

Fondamenta Solide, Strutture ben architettate e variabili e argini che contengono la loro forza di controllo e la potenza del suono. E’ questo il breve ritratto dell’album di esordio de Gli Altri. 

Il progetto nasce nel 2010 su inziativa di Gabriele Lugaro e Andrea Nocco (membri dei 5MDR) ai quali si aggiungono Andrea Avalli, Manuel Rosso e Lorenzo Colonna. Dopo l’ep Incipit del 2011, il gruppo ha esordito un mese fa con l’album Fondamenta, Strutture, Argini del quale vi abbiamo presentato lo streaming in esclusiva insieme ad altre quattro webzine.

Il quartetto basa le proprie composizioni su una ricerca che parte degli umori e le tematiche cupe dei testi (che fanno emergere una buona scrittura) e le basi (post-)hardcore (“La Difficoltà del Volo”) per produrre un suono violento, colmo di carica esplosiva ben calibrata. Questa ricamata irruenza viene veicolata attraverso strutture  rumoristiche e folte trame strumentali che richiamano le linee guida del post-rock (evidenti in “6:33e “Cera“).

L’inizio è prepotente con “Oltre il Rumore”: più di tre minuti di abrasione sonora con le distorsioni a fare da padrone. “Il Mio Spazio Possibile”, che vede la partecipazioni di Roberto Ceruti degli Affranti, dopo un inizio semi-quieto  si lancia in ritmiche caotiche e discontinue. L’irregolarità ritmica è una costante del disco e si proprone in maniera accentuata nella successiva “All’orizzonte“.  Tra i brani che spiccano maggiormente c’è “Istanbul”: suono trattenuto, teso e una lenta e erosiva progressione.

Otto tracce che fanno emergere le abilità di gestione del rumore, calibrato e in perfetta sintonia con le liriche. Un debutto, quindi, più che convincente e che lascia una traccia chiara della personalità del gruppo.

Voto: 7/10

Tracklist:

  • 1 · Oltre Il Rumore
  • 2 · Il Mio Solo Spazio Possibile
  • 3 · All'Orizzonte
  • 4 · 06:33
  • 5 · La Difficoltà del Volo
  • 6 · Istanbul
  • 7 · Cera
  • 8 · La Falena

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi