Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 5 novembre 2011

foster-the-people-torches

Foster The People

Torches

Genere: Indie-Rock, Elettro-Pop

Anno: 2011

Casa Discografica: Startime/Columbia

Servizio di:

Prendi una domenica mattina tranquilla, di quelle spensierate in cui non vuoi (o non devi) pensare a niente e in cui fondamentalmente non hai troppe aspettative dal mondo intorno. Prendi anche un disco, magari Torches di Foster The People: avvii la riproduzione e te ne stai tranquillo a fissare il niente fuori dalla finestra per i quaranta minuti successivi.

I brani scorrono bene, tutto sommato lineari anche se piuttosto eterogenei, in quel miscuglio indefinito di generi che vano dall’indie pop, all’indie rock, indie dance, indietronica, neo-psychedelia: insomma, tanti termini per dire semplicemente che non sappiamo catalogare ciò che stiamo ascoltando (non che sia poi così necessario, ndr).
Helena Beat introduce con efficacia una Pumped Up Kids ormai celeberrima e pluricoverizzata da mezzo firmamento musicale internazionale (visto anche il suo rilascio anticipato ormai un anno fa). In effetti, se vogliamo dare ragione alla Billboard Chart (sezione Alternative Songs) che l’ha piazzata direttamente al primo posto, la canzone suona proprio bene, con un ritmo estremamente ballabile ed un testo inutile ripetuto all’infinito, ma che fa fatica ad uscirti di testa.

Call It What You Want, Don’t Stop (Color On The Walls)  Waste continuano sempre con arie più che ballabili, in un certo senso tranquille e spensierate, forse senza troppe aspirazioni, ma nel complesso piacevoli.Sulla stessa falsariga si mantengono anche i brani successivi, in cui nessuno sembra prevalere o eccellere sugli altri in modo determinante, anche se Houdini  rappresenta (personalmente) una delle tracce più convincenti.

Nel complesso quindi un album più che ascoltabile, che non sembra però fare mai il passo decisivo verso un pubblico di maggiori pretese, ma comunque molto amato oltre oceano, se non altro a livello commerciale (vedi le molte tracce sfruttate in varie serie tv e pubblicità in mezzo mondo). Non penso, però, che fra qualche mese sarà ancora nelle nostre playlist.

Voto: 6,0/10

Tracklist:

  • 1 · Helena beat
  • 2 · Pumped Up Kids
  • 3 · Call It What You Want
  • 4 · Don't Stop (color on the walls)
  • 5 · Waste
  • 6 · I Would Do Anything For You
  • 7 · Houdini
  • 8 · Life On The Nickel
  • 9 · Miss You

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi