Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 17 dicembre 2014

GIRLPOOL4

Girlpool

Girlpool

Genere: Indie pop

Anno: 2014

Casa Discografica: Wichita Recordings

Servizio di:

Sguaiate, pazze ma canagliescamente cool vengono ripescate dall’americana Wichita che rimette in circolazione questo loro primo e “innocente” Ep omonimo; sette tracce storte, isosceli, ma con la dolcezza amarognola di un popcorn andato a male ma decisivo per una giornata da passare in solitaria. Sono le Girlpool, Harmony Tividad basso e Cleo Tucker chitarra, duo Losangelino che non fa mistero di non usare nessuna batteria o percussione qualsivoglia, solo corde elettriche e voce ubriaca per imbastire la loro espressività e una loro strana urgenza sonora che bazzica tra il folk, l’indie, filastrocche e pinzillacchere, punkyes tratteggiato giusto per non farsi mancare nulla.

Tutto è ricanticchiabile una volta fatto ingerire dalla bocca dello stereo, brani che filano via con la forza di un soffio e dove le americanine giocano a rimando dentro una registrazione senza tante pretese tecniche, quasi registrato in diretta e come viene al momento, ma con la sincerità di chi crede nelle potenzialità della semplicità delle cose. Eterna adolescenza inconcludente? Non sembra, anzi quello che si va ascoltare è si una forma fuori dal tempo dei tempi (sembrerebbe), ma quello che poi viene a galla è un approccio sensibile e genuino che gioca al futuro prima ancora di essere presente.

Dicevamo due voci onnipresenti, ritornelli a loop, intelaiature sonore costituite da un giro di basso o chitarra e il respiro di “bambine impenitenti” che vogliono la vita a modo loro, libera e senza lacci, e allora al momento che transitano le svociate di “Blah blah blah”, la cantilena ossessiva di “Love spell”, il blues stropicciato che giostra “Jane” o la spennata pesante alla Jack White che da carattere alla bella “American beauty”;  le Girlpool è come se mandassero a dire a tutti che in fondo quello che conta veramente nella musica non è la crescita o l’evoluzione ma la sua strapazzata ingenuità vincente!

Voto: 6/10

Tracklist:

  • 1 · Blah blah blah
  • 2 · Paint me colors
  • 3 · Love spell
  • 4 · Plants and worms
  • 5 · Jane
  • 6 · Sluthmouth
  • 7 · American beauty

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi