Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 13 maggio 2015

GZH61_Sleeve

Aidan Baker

Half Lives

Genere: Dark-ambient, Drone, Sperimentale

Anno: 2015

Casa Discografica: Gizeh Records

Servizio di:

Aidan Baker è un musicista molto attivo, lo certifica il numero impressionante di uscite dal  2002 ad oggi, a suo nome oppure coi moniker scaturiti dalle varie mutazioni personali, solo coi Nadja (progetto diciamo principale) sono 22 (il circa è d’obbligo), ma ci sono anche ARC, Caudal, B/B/S/, Mnemosyne e altre collaborazioni eccellenti (thisquietarmy e Tim Hecker le più recenti): dalla svolta “epocale” di Already Drowning (2013), che lo ha consacrato anche come musicista “melodico” sono una decina. In quel disco di ormai un paio di anni fa, come in questo del resto, è (più) viva la sostanza vocale, meno rilevante nella maggior parte dei suoi lavori più usuali, e non a caso è proprio il canto a “vivacizzare” le solenni o schizoidi composizioni dell’artista canadese: se nel precedente erano le voci prestate da altrettante sette “muse”, nel presente invece è la propria con un risultato che non dispiace affatto.

Tuttavia, non aspettatevi una predominanza di melodia sulle usuali sperimentazioni, la maggior parte dei 21 brani è strumentale, come da prassi; diciamo che idealmente c’è un filo rosso tra i due lavori, e non solo in termini di forma e importanza, è anzi soprattutto l’affinità di ispirazione a dar spazio al confronto diretto. Half Lives è un disco doppio, e ciascuno dei due capitoli ha un titolo proprio, forse per non smentire, sembra idealmente puntualizzare Baker, la propria proverbiale prolificità, che aveva fatto segnare uno zero sulle uscite del 2015 (c’è stata però la ristampa di The Sea Swells A Bit edito nel 2006).

“Mountains Sweat Clouds parte I e II” aprono brevemente il primo disco al quale danno anche il titolo, ambientali e poco inclini a quel rumore che diventa, appena dopo, un monocorde drone in “Creature (Intro). You Are A Creature Of Darkness” è l’esordio vocale di Baker, sussurrato e sovrapponibile a se stesso in una dark ballad flautata e incalzante (esempio recente: gli Alcest; dal passato diremmo Arcana e filone Cold Meat Industry), il “III” movimento della title-track  focheggia su un paesaggio cristallizzato ma inquietante dilungandosi nella successiva “Lighttrap I” quale suo naturale sviluppo; “Crow (Intro)” e “A Black Crow Flies” è ancora la Natura di un altro mondo che rumoreggia, il sussurrare del berlinese d’adozione assume via via le sembianze di un mantra, con poche ma percettibili evoluzioni nel corso dei 10 minuti che ne compongono la durata. I “Lighttrap II e III” dronizzano verso uno spazio profondo sempre più interiore.

“As i Walked on Dead Earth”, secondo disco, dopo due brevi composizioni di preparazione ci fa entrare nel nuovo mondo psichedelico di Aidan con “As i Came to the River” (la voce e il passo narcolettico sono quelli di Matt Christensen dei Zelienople), la successione è meno casuale e intriga perché sembra fare riferimento proprio ai momenti vocali: la spedizione verso il confine dell’universo è partita con “Fear Of Open Spaces” mentre con “It Was All, All In A Dream” ritornano le evocazioni mantriche che pian piano ci accompagnano all’esorcismo finale (?) di ”Still There Is The Sound Of Thunder” e title track parte II.

Un trip lunghissimo e digeribile solo a tratti, sperimenta consapevolmente il già sperimentato diventando il degno – ennesimo – figlio di un artista visionario che non accetta compromessi e segue il suo (oscuro) cammino.

Voto: 7,6/10

Tracklist:

  • 1 · Mountains Sweat Clouds I
  • 2 · Mountains Sweat Clouds II
  • 3 · Creature (Intro)
  • 4 · You Are A Creature Of Darkness
  • 5 · Mountains Sweat Clouds III
  • 6 · Lighttrap I
  • 7 · Crow (Intro)
  • 8 · A Black Crow Flies
  • 9 · Lighttrap II
  • 10 · Lighttrap III
  • 11 · As I Walked On Dead Earth I
  • 12 · Half Life
  • 13 · As I Came To The River
  • 14 · Fear Of Open Spaces I
  • 15 · It Was All, All In A Dream
  • 16 · Somewhere In The World Trees Are Growing
  • 17 · Fear Of Open Spaces II
  • 18 · Then Came The Storm
  • 19 · And I Raise My Eyes To The Hills
  • 20 · Still There Is The Sound Of Thunder
  • 21 · As I Walked On Dead Earth II

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi