Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 8 gennaio 2014

MRM2

M!R!M!

Heaven

Genere: Noise-rock, Post-Punk

Anno: 2013

Casa Discografica: Fabrika Records

Servizio di:

Due anni fa vi avevamo parlato del progetto M!R!M. It’s not enough anymore ci colpì particolarmente per la personalità nel proporre il filone post-punk in maniera quasi “futuristica”. In questi due anni ci sono stati dei cambiamenti e Iacopo Bertelli è diventato l’unico titolare del progetto.

Questo passaggio non ha intaccato il percorso e la qualità di esso. Heaven (l’artwork è indicativo sul vero significato del titolo) si basa sulle stesse coordinate del precedente disco ma il lavoro risulta più raffinato e il risultato è figlio dei tempi con un utilizzo diligente della contaminazione. Ma l’aspetto vincente risulta il livello di omogeneità e quindi la saggezza con cui vengono mescolati i vari elementi.

Non mi piace fare paragoni ma il suo lavoro mi ricorda molto il processo di rielaborazione portato avanti da Soft Moon. La base post-punk viene servita su differenti livelli (basti ascoltare un brano come “Homesick“) con la componente rumoristica che si fonde nell’essenza della composizione (La tuonante “Dead Inside”, gli intrecci nella progressione di “Liebe Machen“). In relazione al paragone accennato prima risulta molto importante il ruolo della vocalità: non sovrasta mai la parte strumentale ma diventa essenziale a livello globale, soprattutto in un’ottica evocativa. L’iniziale “Jubilee“, con il passare dei secondi, mette in mostra molto bene questo aspetto.

Si aggiungono anche altri elementi: una naturale evoluzione in prospettiva industrial (la destrutturazione di “Sodoma”, fra i brani più interessanti dell’album) ed EBM (“Lizards”) e riferimenti (molto subliminali) alla corrente shoegaze riscontrabili soprattutto nel brano finale “Embraced Forever“.

Iacopo Bertelli ha fatto davvero un ottimo lavoro di stratificazione e, come dicevamo prima, di rielaborazione. Un album al passo con i tempi e che ha messo alla luce la capacità di visione del musicista toscano. Il disco è stato ascoltato successivamente alla pubblicazione delle liste del 2013 e sarebbe rientrato, senza ombra di dubbio, fra le migliori uscite italiane dell’anno appena trascorso.

Voto: 7,2/10

Tracklist:

  • 1 · Jubilee
  • 2 · Seeking Love
  • 3 · Dead Inside
  • 4 · Never Trust
  • 5 · Liebe Machen
  • 6 · Sodoma
  • 7 · Homesick
  • 8 · Lizards Feat. ( Nathalie Bruno )
  • 9 · Acid Dreams
  • 10 · Embraced Forever

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi