Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Hidden Sounds | Pubblicato il 13 ottobre 2013

08/10 – Lomond Campbell

lomond_campbell

Lomond Campbell arriva dalle suggestive highlands scozzesi, aree dalla cui bellezza incontaminata trae inevitabilmente ispirazione per la propria musica. Utilizzando sintetizzatori, chitarre e drum machine, Campbell ha iniziato a comporre le proprie tracce ricercando il giusto mix tra tradizione e sperimentazione, giungendo ad un originale risultato che vede l’incontro di un tratto compositivo vicino al folk e al pop con ambientazioni e arrangiamenti di stampo elettronico.
Dopo un primo lavoro registrato in collaborazione con Slow Club e Fence Collective, Lomond Campbell ha da poco realizzato l’ep Only a city apart, rilasciato in formato digitale e in vinile a edizione limitata.
Proprio da questo secondo album di Lomond Campbell, vi facciamo ascoltare “It’s too late to be right“.

Il secondo brano che estraiamo da Only a city apart, ep uscito a luglio di Lomond Campbell, è la traccia di chiusura “Hit the kiss button“, pezzo strumentale nel quale emerge il volto più sperimentale ed elettronico del musicista scozzese.

Bandcamp
Facebook

09/10 – The Turkish Delight

the_turkish_delight

Provenienti da Dayton, Ohio, i The Turkish Delight definiscono la propria musica “art-rock”. Al di là dei termini utilizzabili, però, di sicuro la band statunitense si propone al pubblico con una scrittura fuori dalle righe, talvolta ripiegata verso il lo-fi e il pop più acido, con un occhio ai decenni passati.
All’esordio nel 2010 con …Ahem!, i The Turkish Delight hanno rilasciato nello scorso mese di luglio l’ep At the bottom of a bottomless pit, disponibile in free download e dal quale ascoltiamo “Elsie, Lacie & Tillie“.

Ancora da At the bottom of a bottomless pit, secondo lavoro degli statunitensi The Turkish Delight in free download sulla loro pagina Bandcamp, vi facciamo ascoltare la strumentale “La santisima muerte“.

Bandcamp
Soundcloud
Facebook

10/10 – Baulta

baulta

Formatisi tra il 2008 e il 2009 a Jyväskylä, Finlandia, i Baulta nascono dall’idea di quattro ragazzi di dar vita ad un lavoro musicale non basato sulla centralità della parte vocale, ma costruito su più livelli e reso più solido dal loro intreccio. Declinando verso il post-rock e il post-metal, i Baulta trovano così la loro dimensione in una composizione granitica, che tuttavia ben si lascia alleggerire da archi ed altri effetti. Al 2011 risale il primo lavoro della band Deeply sorry to interrupt your megalomania, seguito nel 2012 da That’s my house you’re living in e nel 2013 dall’ep The greatest solos of Mr. Bellini vol. 1, dal quale ascoltiamo “Saturday night matadors“. Tutta la produzione dei Baulta è disponibile in free download sulla loro pagina Bandcamp.

Sempre da The greatest solos of Mr. Bellini vol. 1, ultimo lavoro della band post-rock finlandese dei Baulta, la seconda traccia che vi facciamo ascoltare si intitola “You burn as bright as Paris“.

Bandcamp
Facebook

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi