Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Hidden Sounds | Pubblicato il 4 luglio 2012

Ecco la raccolta di tutte le proposte di Mario Esposito per la rubrica serale “Hidden Sounds”: un viaggio in pillole alla scoperta di nuove sonorità e interessanti nomi della musica alternativa. Questo è il capitolo 17.

Hidden Sounds cap. 17

14/06 – Plastic Flowers

Pop elettronico dalle atmosfere sospese, in pieno stile ambient, è la formula proposta dal greco G. e dai suoi compagni d’avventura, in arte Plastic Flowers. Due gli ep finora pubblicati, “Meltdown EP” e “Natural Conspiracy”: proprio da quest’ultimo, ascoltiamo “Fake leaves”.

–> Fake Leaves 

Il primo lavoro di Plastic Flowers è l’ep “Meltdown”, uscito ad inizio 2011 e scaricabile, così come gli altri lavori, dal profilo Bandcamp dell’artista greco. Il brano che vi proponiamo dall’ep d’esordio è la traccia strumentale “Upperground stories”.

–> Upperground Stories

Link: http://plasticflowers.bandcamp.com

18/06 – Crystal Shipsss

Artista danese trasferitosi a Berlino, dove scrive musica per serie tv, film e soap opera, Jacob Faurholt ha da poco pubblicato il suo primo lavoro a nome Crystal Shipsss. Lo-fi acido dominato da un insolito cantato in falsetto, l’esordio di questo nuovo progetto di Faurholt si intitola “Yay” (ed è ascoltabile in free streaming qui): questa è “Smile”.

 –> Smile

Ancora da “Yay”, primo album del progetto Crystal Shipsss, ascoltiamo “Burning kingdom”, brano a dir poco distorto e allucinato, che offre una buona idea di quella che è la “psichedelia-lo-fi” del danese Jacob Faurholt.

–> Burning Kingdom

Link: http://crystalshipsss.bandcamp.com/

19/06 – A Jigsaw

Trio portoghese di Coimbra, formato da Joao Rui, Susana Ribeiro e Jorri, gli A Jigsaw affondano le proprie radici nella passione e nel calore del blues, contaminandolo di influenze diverse, vicine soprattutto al folk e al country. Il loro esordio, “Letters from the boatman”, risale al 2007 mentre del 2009 è “Like the wolf”, album dal quale ascoltiamo “Return to me”.

–> Return to Me

L’ultimo lavoro degli A Jigsaw, uscito nel mese di novembre del 2011, si intitola “Drunken sailors & happy pirates”. Utilizzando immagini metaforiche vicine al mondo del mare, l’album ruota attorno al tema della costruzione dell’individuo, di un’identità costruita sfidando l’ignoto e un “infinito da fare a pezzi”: questa è “The strangest friend”.

 –> The Strangest Friend

Link: http://www.ajigsaw.net/

20/06 – If Anything Happens to the Cat

Post-rock multicolore in cui contrastano dolci monologhi arpeggiati ed esplosioni sonore tipiche del genere, potrebbe essere così sintetizzata la musica degli If Anything Happens To The Cat, band belga proveniente da Gent. All’esordio con un ep omonimo per ora distribuito con il metodo del “name your price”, oltre che in versione fisica, gli IAHTTC si fanno apprezzare per un suono al tempo stesso vigoroso e pulito. Il primo brano che ascoltiamo si intitola “Jessamine”.

–> Jessamine

Ancora dall’ep d’esordio dei belgi If Anything Happens To The Cat, il secondo brano che vi proponiamo è “The gentle art of saying no”. L’album, assieme ad altre tracce demo, è disponibile anche su Soundcloud .

–> The Gentle Art of Saying No

Link: http://iahttc.bandcamp.com/

25/06  – Sjòn

Un nome che rimanda all’Islanda, chiaro omaggio all’omonimo poeta e scrittore dell’isola nordica Sigurjón Birgir Sigurðsson, e una passione, di cui non fanno mistero, per l’approccio alla sperimentazione di artisti come Radiohead, Bjork e Murcof: parliamo dei Sjón, gruppo polacco proveniente da Łódź.

La loro musica, senza dubbio influenzata dai mostri sacri già citati, è un rock sperimentale ricco di interessanti spunti, chitarre distorte, feedback e inserimenti elettronici. Il primo brano che vi proponiamo si  intitola “Out”.

–> Out

Il secondo brano che ascoltiamo dei polacchi Sjón si intitola “Forest” ed è scaricabile gratuitamente dal profilo Soundcloud della band, sul quale è comunque disponibile il free streaming degli altri pezzi del gruppo.

–> Forest

Link: http://soundcloud.com/sigurjon_birgir

26/06 – Valravn

Arrivano dalla Danimarca, ma si presentano come un multietnico terzetto composto da una cantante proveniente dalle remote Isole Far Oer, un percussionista metà svizzero e metà italiano e un tastierista danese: parliamo dei Valravn, band che avvicina la tradizione musicale dei paesi nordici all’elettronica, sfruttando al massimo l’intensa vocalità di Anna Katrin Egilstrød, che a tratti rimanda allo stile di Bjork.

Dal loro secondo album, “Koder På Snor”, pubblicato nel 2009, ascoltiamo “Kroppar”.

–> Kroppar

Risale al 2007 l’esordio dei danesi Valravn, con un album omonimo che mette già in luce il forte legame della band con la tradizione folk del paese scandinavo,  qui ancora non del tutto contaminata dalle derive elettroniche dei successivi lavori. Il secondo brano che ascoltiamo si intitola “Ólavur Riddararós”.

 –> Olavur Riddararos

Link: http://www.valravn.net/

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi