Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Hidden Sounds | Pubblicato il 20 luglio 2012

Ecco la raccolta di tutte le proposte di Mario Esposito per la rubrica serale “Hidden Sounds”: un viaggio in pillole alla scoperta di nuove sonorità e interessanti nomi della musica alternativa. Questo è il capitolo 18.

 Hidden Sounds cap. 18

28/06 – Throw Me Off the bridge

Chitarra acustica e voce graffiante, sono i pochi ma efficaci ingredienti della musica di Quentin Sauvé, in arte Throw Me Off The Bridge, francese di Laval. Il suo esordio risale al 2010 con l’album “Everlasting Folks”, un concentrato di folk cantautoriale ricco di buoni spunti e il primo brano che ascoltiamo si intitola “The Attic”.

–> The Attic

Dall’album “Everlasting Folks”, esordio di Throw Me Off The Bridge, progetto cantautoriale folk del francese Quentin Sauvé, il secondo brano che estraiamo è la traccia di apertura “Bold and brave”.

–> Bold and Brave

Link: http://throwmeoffthebridge.bandcamp.com/

02/07 – Industries of the Blind

Gli Industries of the Blind nascono nel 2003 a Greensboro, North Carolina, città dalla quale si spostano per trasferirsi a Brooklyn. Formazione di ben nove elementi, i cui suoni spaziano nell’ambito di un post-rock articolato ed arricchito dalla presenza degli archi, di loro si sa poco altro. Il loro primo lavoro è un ep di tre brani, per circa mezz’ora di musica, scaricabile gratuitamente e intitolato “Chapter 1: Had we known better”: questa è “I just wanted to make you something beautiful”.

–>I just wanted to make you something beautiful

La terza traccia di “Chapter 1: Had we known better”, ep d’esordio degli Industries of the Blind, si intitola “The lights weren’t that bright, but our eyes were so tired”. L’album è in free download dal sito della band.

 –> The lights weren’t that bright, but our eyes were so tired

Link: http://www.industriesoftheblindmusic.com

03/07 – Elvis Depressedly

Elvis Depressedly, cantautore pop stralunato del quale scarseggiano le note biografiche, arriva da Columbia ed ha già all’attivo tre ep ed un album di freschissima uscita, intitolato “Mickey’s dead”. Scaricabile ad offerta libera da Bandcamp, il primo lavoro full-length di Elvis Depressedly si lascia ascoltare con piacere per la sua leggerezza a metà tra pop e lo-fi: da “Mickey’s dead”, ascoltiamo “A bible in a bath of bleach”.

 –> A Bible in a bath of bleach

Del 2011 è l’ep “Goner”, secondo lavoro di Elvis Depressedly, anch’esso scaricabile ad offerta libera da Bandcamp. Da quest’album, ascoltiamo “Kill me, Mickey”.

–> Kill me, Mickey

Link: http://elvisdepressedly.bandcamp.com

04/07 – Point Reyes

I Point Reyes nascono a Brooklyn dall’incontro di quattro ragazzi già impegnati in altri progetti musicali. Nel corso del 2011, la band si sposta a Varsavia, dove inizia a collaborare con artisti visuali e teatrali e dove incontra la cantante danese Nini Julia Bang, che si unisce al gruppo per il tour in Nord America e per le registrazioni del nuovo album. Stile personale e ricercatezza caratterizzano la musica dei Pont Reyes, il cui esordio si intitola, in omaggio alla città che li ha ospitati, “Warszawa”: il primo brano che ascoltiamo è “Ulanbataar”.

–>Ulanbataar

L’ultimo lavoro dei Point Reyes si intitola “Golden” e la sua uscita è prevista tra circa un mese, tuttavia è possibile già ascoltarlo per intero in streaming e pre-ordinarlo dalla pagina Bandcamp del gruppo. Sperimentazioni ed originalità, già pregustate nel primo album, sono qui arricchite dalla voce di Nini Julia Bang, che entra così in pianta stabile nella band. Da “Golden” estraiamo la settima traccia, intitolata “vrag.dk”.

–> vrag.dk

Link: http://www.pointreyes.info

09/07  – Sobrenadar

Sobrenadar è il nome del progetto solista di Paula Garcia, classe 1988, giovanissima artista argentina di Chaco. Autrice di un dream-pop intriso di elettronica, Sobrenadar ha già all’attivo cinque lavori tra ep ed album: “Vent solaire” è stato pubblicato a luglio dello scorso anno e il brano che ascoltiamo ne è la traccia d’apertura, nonché title-track.

–>Vent Solaire

Chillwave, pop, elettronica eterea, la musica di Paula Garcia, in arte Sobrenadar, è un piacevole e rilassante viaggio tra sonorità ipnotizzanti. L’ultimo album della giovane artista argentina si intitola “1859” e il brano che vi proponiamo è “Junio”.

–> Junio

Link: http://sobrenadar.bandcamp.com

10/07 – Thrupence

Il 21enne compositore e visual artist Jack Vanzet arriva da Melbourne, Australia, con un interessante progetto che mescola elettronica e atmosfere ambient, a nome Thrupence. Dei tre album all’attivo, “Voyages” è il più recente, pubblicato nello scorso mese di marzo: questa è “Synchronous bloom”.

–> Synchronous bloom

Serenade / Promenade”, uscito nel 2011, è il primo lavoro di Thrupence, progetto strumentale dell’australiano Jack Vanzet. Il secondo pezzo che vi proponiamo è estratto proprio da quest’album e si intitola “Bells”.

–> Bells

Link: http://thrupence.bandcamp.comhttp://www.jackvanzet.com

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi