Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 28 febbraio 2014

high hopes

Bruce Springsteen

High Hopes

Genere: Pop-Rock, Songwriting

Anno: 2014

Casa Discografica: Columbia

Servizio di:

L’ottimismo derivante da un nuovo progetto o magari la voglia pura di tornare a confrontarsi con un passato pur sempre glorioso e memorabile; sta di fatto che il Boss torna a far parlar di sé all’inizio di questo 2014 con il suo High Hopes, “grandi speranze” per l’ appunto. A far storcere il naso ai fans, sempre attenti alle nuove proposte del Boss, è sicuramente la scelta di pubblicare un album contenente cover e (celebri) outtake, scelta che appare quasi come una scusa per non arrestare l’interminabile tour Mondiale, eppure, secondo quanto affermato da Springsteen, ad avere avuto un ruolo fondamentale in questo nuovo progetto è stato proprio l’incontro con l’ex Rage Against the Machine- Tom Morello. La chitarra di Morello, infatti, s’insinua con forza nelle sonorità ruvide di High Hopes con un risultato che (forse) non convince completamente. Ecco, però, che una nuova sinergia diventi spunto d’ auto-rivisitazione, arrivando a snaturare pietre miliari come The ghost of Tom Joad o l’impegnata American Skin. Tappe significative di un viaggio nel viaggio.

Il brano d’apertura, pescato dal repertorio degli Havalinas, è già presente nell’ Ep “Blood Brothers” del ’95, ma qui trova una nuova dimensione sonora proprio in virtù di quel troppo invadente apporto elettrico di Morello che la plasma a suo piacimento. Toccante sempre e comunque “American Skin”, proposta spesso dal vivo per l’intenso crescendo del brano, qui proposto in chiave più elettrica che Soul, riuscendo a raggiungere un risultato ugualmente lodevole.

Sorte differente tocca, invece, alla succitata “The ghost of Tom Joad” che soffre gli irruenti assoli di Morello, qui eccessivamente presenti. E’ la traccia che probabilmente boccia definitivamente il connubio con il chitarrista ex RATM, che appare sempre poco inserito nelle meccaniche della E-street-band, abituata ad un sound molto più caldo e corale. Echi di Wrecking Ball sono percepibili in “This is your Sword” o nel ritmato-gospel di Heaven’s Wall, mentre bisogna scavare più in profondità per inquadrare la claustrofobica “Down in the Hole” – strascico emotivo del post-11 Settembre 2001 (non a caso deriva dalle sessioni di The Rising).

Il tiro elettrico di High Hopes viene però miscelato a brani dal retrogusto puramente acustico, come la convincente “Hunter of Invisible Game” o la malinconica “The Wall”, dedicata al cantante-eroe M.Walter Cichons- disperso al fronte nel ’68. Paradossalmente a funzionare meglio sono proprio le cover dell’album, come la raggiante “Just like Fire Would” dei Saints, incredibilmente Springsteeniana. Ai Suicide, invece, appartiene la traccia che chiude quest’ennesimo viaggio rocambolesco tra sonorità miste e talvolta avverse, “Dream baby Dream”; infatti riesce (con il crescendo d’organo, tastiera e la trascinante voce di Springsteen) a guidare l’ascoltatore in un futuro fatto d’avversità ma soprattutto di Grandi Speranze.

High Hopes non riesce (e magari non voleva neanche farlo) ad eguagliare la qualità artistica delle produzioni precedenti, nemmeno quella più recente Wrecking Ball. E’ sicuramente un esperimento, l’ennesimo, a cui quest’incredibile artista del New Jersey ha  voluto sottoporsi. D’altronde del ragazzo “nato per correre” n’è restato immutato lo spirito e la riserva d’ossigeno.

Voto: 6,5/10

Tracklist:

  • 1 · High Hopes
  • 2 · Harry's Place
  • 3 · American Skin (41 shots)
  • 4 · Just like fire would
  • 5 · Down in the Hole
  • 6 · Heaven's Wall
  • 7 · Frankie fell in Love
  • 8 · This is your Sword
  • 9 · Hunter of Invisible Game
  • 10 · The Ghost of Tom Joad
  • 11 · The Wall
  • 12 · Dream Baby Dream

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi