Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 20 aprile 2015

image002 (1)

Lonelady

Hinterland

Genere: Post-Punk, Post-Wave, Contaminazione

Anno: 2015

Casa Discografica: Warp Records

Servizio di:

Lonelady è lo pseudonimo di Julie Campbell, musicista proveniente da Manchester. E la sua provenienza si sente tutta nelle sonorità considerata la forte influenza post-punk dei suoi pezzi. Nerve Up fu uno dei dischi migliori del 2010 e uscì per la prestigiosa Warp. Aspettavamo da tanto il suo ritorno e il 17 Novembre è uscito il suo nuovo singolo “Groove It Out“. La Warp Records ha pubblicato, il 23 Marzo, il suo nuovo album Hinterland.

Il prodigio mancuniano fa tutto da sola: suona chitarra, tastiere, violoncello, drum machine e quant’altro. Per questo lavoro ha collaborato con il produttore Bill Skibbe (Austra, The Kills, The Dead Weather). Rispetto al debutto, non mancano i riferimenti a cui facevamo prima (i ritmi tesi e nervosi di “Bunkerpop“, le vibrazioni ruvide di “(I Can See) Landscapes) ma spuntano nuove sfumature.

Riemergono in modo più deciso le influenze funk (“Hinterland“), si fanno strada linee che rimandano alla scena disco-pop (“Groove it Out“) e in generali riferimenti alle ritmiche sostenute della scena post-wave (“Into the Cave“), incisioni “arrotondate” ma che non perdono la tenuta graffiante del suo suono (“Silvering“, “Red Scrap“). Colpisce particolarmente “Flee!” che diverge dal resto dei brani in quanto c’è una totale dilatazione dei ritmi, con il violoncello che si incontra con l’impalpabilità del suono teso che accoglie una splendida interpretazione vocale “raccolta”. Chiude “Mortar Remembers You“, un altro pezzo da incorniciare per la sua geometria concentrica: un suggestivo compendio delle sonorità ascoltate sinora.

Voce sinuosa e irrequieta, interpretazioni convincenti, riferimenti “scoloriti” a favore di un suono variabile e versatile: lo specchio di una forte personalità e una ricerca sonora continua. Hinterland conferma l’enorme talento di Julie Campbell: un’attesa durata cinque anni ma ripagata dai risultati eccellenti.

Voto: 7,7/10

Tracklist:

  • 1 · Into The Cave
  • 2 · Bunkerpop
  • 3 · Hinterland
  • 4 · Groove It Out
  • 5 · (I Can See) Landscapes
  • 6 · Silvering
  • 7 · Flee!
  • 8 · Red Scrap
  • 9 · Mortar Remembers You

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi