Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 3 gennaio 2014

Pop.-1280-Imps-Of-Perversion-608x608

Pop. 1280

Imps of Perverson

Genere: Noise-Rock, Industrial-Punk

Anno: 2013

Casa Discografica: Sacred Bones

Servizio di:

Non li ferma più nessuno. Ci sono voluti anni per arrivare all’esordio con The Horror, album che vi abbiamo raccontato l’anno passato. I Pop. 1280 tornano con un nuovo lavoro intitolato Imps of Perversion (dal titolo si evince l’ispirazione dall’opera di Edgar Allan Poe).

I demoni interiori che ci spingono a realizzare desideri e tentazioni. Un altro tema che si congiunge in maniera ineccepibile con il sound della band newyorkese. Continua infatti la linea destrutturante che caratterizza la loro “musicalità”: prevale sicuramente l’aspetto rumoristico che si sposa perfettamente con l’esplosione vocale di Chris Bug a cui va dato atto della notevole (e sbilenca) capacità d’interpretazione (pensate a un brano come “Human Probe II“). C’è il background post-punk (molto più attenuato, palese in un brano come “Coma Baby“) e noise-punk (“Do The Anglerfish“) ma è la direzione industrial e sintetica a dare forma a molti brani (emerge a tratti nella lunga “Nailhouse“).

Da questo punto di vista si può far riferimento all’isolazionismo di “Riding Shotgun” e anche nella dilatazione abrasiva di “The Control Freak“. Tra i migliori brani dell’album c’è “Population Control“: un esempio perfetto del loro stile con un arrangiamento pulsante ma controllato e che mette in risalto la loro natura rumoristica e l’evoluzione dinamica dei loro brani.

Il gruppo newyorkese passa la seconda prova a pieni voti. Porta avanti un discorso con la solita personalità, senza stravolgersi ma muovendo il suono orizzontalmente, curando le sfumature e i dettagli per alimentare l’emotività del concept. Un grande contributo a quella scena noise che guarda più al futuro che al passato, con un’attenzione particolare alla contaminazione e alla rielaborazione ragionata.

Voto: 7/10

Tracklist:

  • 1 · Lights Out
  • 2 · The Control Freak
  • 3 · Population Control
  • 4 · Nailhouse
  • 5 · Human Probe II
  • 6 · Do The Anglerfish
  • 7 · Dawn of Man
  • 8 · Coma Baby
  • 9 · Human Probe
  • 10 · Riding Shotgun
  • 11 · Eye in the Sky (Bonus Track)

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi