Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Interviste | Pubblicato il 17 aprile 2015

Vi abbiamo presentato la Bananophono Records in occasione dell’uscita del nuovo ep di Nrec. Vi proponiamo un’intervista con le menti della giovane label marchigiana e inoltre lo streaming di un brano da Spaghettitronica: si intitola “Cvrgrl“. Dopo lo streaming, trovate il testo della nostra “chiacchierata”.

 

bananophono logo (1)

Qual è il progetto artistico che c’è dietro Bananophono?

Dando un’occhiata al nostro roster la prima cosa il visitatore potrà notare è l’assenza di una rigida politica per quello che riguarda le proposte musicali dell’etichetta. Questo perché ci interessa allargare il più possibile gli orizzonti nostri e di chi ascolta, prediligendo la buona fattura e la genuinità della proposta (nonché le idee) piuttosto che raggiungere un immediato consenso in generi già fin troppo codificati. Siamo consapevoli che possa essere un’arma a doppio taglio, ma è quello che ci viene più spontaneo.

Qual è l’aspetto più complicato legato alla gestione di una label indipendente?

Sicuramente quello logistico; non siamo una struttura con gli uffici, i megadirettori, le poltrone in pelle umana e le piante di ficus (speriamo si colga il riferimento Fantozziano), e malgrado esistano dei master in questo o in quell’altro campo, il mestiere di gestire un’etichetta si acquisisce solo con il tempo. Bisogna saper gestire i ritmi di lavoro, i rapporti con gli artisti e con la stampa, avere un’agenda ben organizzata e quant’altro. Inutile dire poi che sopra qualsiasi altra cosa, l’aspetto più cruciale è quello economico, ma diremmo cose così risapute da risultare banali.

Uno dei “difetti” che individuo in varie label nostrane è la macanza di visione internazionale nel lancio degli artisti. Come vi ponete da questo punto di vista?

Abbiamo progetti di cantato in inglese e di elettronica strumentale. Ecco come ci poniamo, e speriamo di poterlo fare sempre più negli anni a venire, perché l’estero spesso si  è dimostrato più attento dell’Italia stessa agli stimoli offerti da artisti italiani (vedi gruppi come gli M+A, tanto per fare un esempio). Non è una critica al nostro Paese, ma un’esortazione a importare una certa apertura mentale nei rigidi meccanismi che spesso frenano il percorso di tanti prodotti interessanti.

Il progetto coinvolge anche l’attività di booking e se no, è prevista un’evoluzione in questo senso?

Per ora non ci occupiamo propriamente di quell’aspetto, ma è anche vero che come management dei gruppi e degli artisti siamo spesso in prima linea per trovare date, attraverso i contatti che abbiamo con vari bookers.

Quali sono le ultime uscite di cui vi state occupando?   

Abbiamo appena lavorato all’ep in digitale di HLFMN, un musicista elettronico locale che vi consigliamo vivamente di vedere dal vivo, poi ci sarebbero i Rusvelt, una giovane realtà molto interessante, e infine gli insil3nzio, che sono proprio ora fuori con un bellissimo video, che ha come protagonista il comico Giorgio Montanini.

Il vostro progetto nasce nelle Marche, regione che vanta una ricca e varia scena musicale. Ci sono artisti locali che apprezzate particolarmente e che vi piacerebbe far rientrare nel vostro progetto? Siete anche aperti a produzioni internazionali?

All’ultima domanda abbiamo praticamente risposto, ma in caso lo ribadiamo: ovviamente sì. Riguardo alla prima, ci fa piacere che sottolinei come le Marche abbiano un grosso numero di gruppi interessanti. Potrei nominarti, su tutti, i Versailles, di cui abbiam prodotto il secondo ep, e in generale siamo molto interessati a tutto quello che si sta muovendo in questo momento. Non ti faccio dei nomi perché sarebbe come dire che ci interessa qualcosa e invece ignoriamo altro, e come Bananophono preferiamo che venga fuori l’immagine e l’idea di un’etichetta disposta per lo meno ad ascoltare qualsiasi novità proveniente dalle Marche o, ancor meglio, dal resto dello stivale.

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi