Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Interviste | Pubblicato il 4 maggio 2013

banner quadrato thinkers art 1000x1000

Qualche settimana fa vi abbiamo parlato del Thinkers Art Festivalun festival culturale che vedrà per tre giorni, dal 9 all’11 Agosto 2013, la città di Margherita di Savoia (BT) al centro di una travolgente onda artistica all’insegna del divertimento ma anche della riflessione sull’importanza del sostegno attivo nei confronti della cultura e del rispetto per l’ambiente.

Il festival, ideato dall’Associazione Culturale “I Think” ed organizzato in collaborazione con le associazioni Legambiente Margherita, ASBA – Associazione degli Stabilimenti Balneari di Margherita di Savoia e Pro Loco Margherita, si pone l’intento di proseguire l’attività di valorizzazione e promozione culturale portata avanti dal progetto I Think sin dalla sua nascita, nel 2009, associando ad essa una sponsorizzazione attiva del territorio della provincia di Barletta-Andria-Trani, ancora privo di festival in grado di attirare turismo culturale a livello nazionale, nonostante goda dirilevanti peculiarità storico-artistiche ed ambientali

Abbiamo fatto una breve chiacchierata con Maria Grazia Natola, una delle organizzatrici e cofondatrice del Festival, nonchè caporedattore di I Think Magazine. Buona Lettura!

Lungomare Margherita by S.Lanotte

Foto di Salvatore Lanotte

 

1) Partiamo dal principio. Come è nata l’idea?

In realtà l’idea era stata già partorita un paio di anni fa e come ogni progetto, condivisa e analizzata all’interno dell’Associazione, per valutarne la fattibilità. Per mettere in pratica un tale progetto però c’è bisogno di “teste”, di forze e di persone che possano materialmente seguirne lo svolgimento per realizzarlo nel migliore dei modi. Quindi, messo da parte per il futuro, è riemerso solo qualche mese fa, quando si erano create le basi per poterlo portare avanti nel migliore dei modi; e alcuni di noi, desiderosi di creare qualcosa di diverso ed importante per il nostro territorio, hanno iniziato a crederci e a lavorare per realizzare assieme la prima edizione del Thinkers Art Festival.

2) Il Progetto lega la valorizzazione del territorio, la sensibilizzazione sulle tematiche ambientali e il dare una maggiore visibilità all’arte in tutte le sue forme. Partiamo da questi ultimi due temi. La Puglia, senza ombra di dubbio, è cresciuta molto negli ultimi anni sotto questo punto di vista. Qual è lo stato delle iniziative culturali del territorio rispetto ad un ambito nazionale e internazionale?

È senza dubbio vero che negli ultimi anni le proposte culturali sono aumentate, perché la voglia di crescita e la fame di cultura iniziano a toccare davvero tutti, soprattutto noi giovani. Le associazioni e le realtà locali che rappresentano il tessuto socio-culturale dei nostri territori, si fanno promotori di iniziative importanti, molto spesso lottando tra ostacoli, burocrazia e una inevitabile carenza di fondi.

Certamente abbiamo ancora molto da fare per riuscire a sfruttare al meglio le qualità delle nostre terre, uniche agli occhi degli incomers,  e per renderci culturalmente competitivi e consapevoli che la cultura è il vero motore di sviluppo e di crescita economica.

Ma l’importante è iniziare a provarci, senza smettere di crederci.

3) Per quanto riguarda la sensibilizzazione sulle tematiche ambientali, quali iniziative saranno portate avanti per accrescere l’efficacia comunicativa e soprattutto concreta?

Gli obiettivi di valorizzazione del territorio e di sensibilizzazione alle tematiche ambientali, verranno perseguiti con una serie di iniziative tese a coinvolgere i cittadini nel loro quotidiano. Attraverso la collaborazione con Legambiente Margherita, verranno organizzati convegni e workshop su importanti e tanto discussi temi: si parlerà di Ecomafia ed infiltrazioni mafiose, nell’ambito del sistema della raccolta e del riciclo dei rifiuti; di inquinamento elettromagnetico, attraverso dimostrazioni pratiche e utili suggerimenti; di riciclo e riutilizzo dei materiali di scarto mediante il coinvolgimento, negli incontri, di adulti e bambini.

Inoltre le visite organizzate all’interno della Zona Umida e lungo i paesaggi naturali più suggestivi di Margherita di Savoia e dei comuni limitrofi, e le biciclettate lungo le strade della città, arricchiranno il calendario degli eventi e mireranno a coinvolgere i locali e i turisti nella conoscenza delle bellezze del luogo.

4) Come sarà strutturato il festival?

La manifestazione si compone di eventi di diverse categorie (musica, fotografia, ambiente ed eventi collaterali vari) che coinvolgeranno diverse location, dislocate nei luoghi nevralgici del paese. La nostra intenzione era poter allargare la proposta anche a livello provinciale, ma dato il poco tempo avuto per questa prima edizione non ci è stato possibile. Speriamo di poter sviluppare meglio anche questa idea nelle prossime edizioni.

Intanto ci saranno due contest, uno musicale ed uno fotografico, che si sono già inaugurati giorni fa e le cui preselezioni ci accompagneranno fino ai tre giorni del Festival, cui accederanno i dieci musicisti e i dieci fotografi, provenienti da tutta Italia, semifinalisti del concorso, che avranno la possibilità di esibirsi dal vivo o esporre le proprie opere ed essere giudicati da una giuria di qualità composta da esperti del settore di riferimento, dal 9 all’11 Agosto a Margherita di Savoia, gareggiando per la vittoria.

Ci fa piacere sottolineare che abbiamo fatto in modo di avere per ciascun contest tre diverse giurie: una prima giuria formata da esperti e appassionati di musica e di fotografia e membri della nostra associazione; una seconda giuria più prestigiosa, formata da esperti dei rispettivi settori a livello locale; infine la terza giuria, quella che sarà presente durante la tre giorni del festival, formata ancora una volta da esperti (diversi dai precedenti), da parte del pubblico e con un presidente di giuria d’eccezione, sia per il concorso musicale che per quello fotografico.

Dal 15 Aprile 2013 è comunque possibile visionare i bandi ed iscriversi gratuitamente ai contest, attraverso il blog ufficiale della manifestazione http://thinkartfestwordpress.com.

Così il Thinkers Art Festival prenderà vita attraverso la performance dei musicisti semifinalisti, l’allestimento e l’esposizione delle fotografie semifinaliste, la realizzazione della Think Expo, attraverso cui artisti ed artigiani pugliesi potranno esporre le proprie creazioni e la realizzazione degli eventi ambientali e satellite previsti (reading, conferenze, mostre…).

Partecipanti e spettatori, potranno quindi partecipare a questa grande festa, dove la cultura sarà padrona di casa.

5) Per quanto riguarda l’aspetto musicale e quello artistico, vi concentrerete più su artisti locali oppure il festival avrà un raggio più ampio sotto questo punto di vista?

L’intento del festival è diventare un punto di riferimento per i seguaci di festival culturali a livello nazionale, per cui l’attenzione sarà ovviamente rivolta su tutti gli artisti a livello nazionale, per quanto riguarda i contest.

Dal momento che riteniamo comunque importante valorizzare i talenti locali, a loro saranno esplicitamente dedicati alcuni eventi collaterali e gli spazi dell’Expo, che per questa prima edizione saranno esclusivamente destinati ad artisti, artigiani ed associazioni pugliesi.

Il nostro obiettivo è quello di creare un evento capace di attirare turismo “di qualità”, di invogliare tutti gli appassionati di musica, arte, cultura e abituati anche a spostarsi per inseguire gli eventi importanti che rispecchiano i loro gusti, soggiornando così nella splendida Margherita di Savoia, non più soltanto per recarsi al mare ma per godere di un divertimento più articolato, variegato e al tempo stesso costruttivo e culturale. Vorremmo poter creare le basi per una programmazione diversa degli eventi estivi nel nostro territorio, che possa accontentare anche quella fascia giovanile, spesso molto penalizzata e costretta a fare la spola tra altre località.

6) In che modo “accompagnerete” il pubblico all’evento e cosa seguirà subito dopo? In poche parole: come si potrà dare continuità e risonanza all’evento?

Come si diceva prima, l’intento è di porre le basi per un festival che, negli anni, potrà richiamare attenzione a livello almeno nazionale, per cui stiamo lavorando con forte determinazione affinché questa prima edizione del Thinkers Art Festival possa essere solo la prima di una lunga serie.

Tramite il nostro sito, i nostri canali e i contatti sul territorio, daremo il massimo risalto al festival e ai vincitori, a cui offriremo premi ed opportunità varie.

Al termine della manifestazione di Agosto ci butteremo a capofitto nell’organizzazione della nuova edizione del Thinkers Art Festival, cercando di ampliare al massimo la partecipazione e la collaborazione delle associazioni locali, per creare un evento unico che dia risonanza al talento e alle eccellenze di Margherita di Savoia e a tutta la provincia di Barletta-Andria-Trani.

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi