Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 18 giugno 2013

velvet_la-razionalita

Velvet

La razionalità

Genere: Alt. Rock, Elettronica

Anno: 2013

Casa Discografica: Cose Comuni

Servizio di:

Troppo mainstream per gli indie-snob, troppo indie per gli amanti del commerciale rimasti fermi ai tempi di Boy Band: i Velvet continuano incuranti sulla loro strada e ritornano a ben quattro anni di distanza da Nella lista delle cattive abitudini, con un nuovo lavoro che conferma la maturità ormai acquisita dalla band romana ad ormai oltre dieci anni dagli esordi. Quattro anni in cui Pier e soci non sono certo rimasti a guardare, tra best of, collaborazioni di vario genere (Beatrice Antolini, CorVeleno, Gatto Ciliegia Contro il Grande Freddo) e attività di produzione di nuove leve musicali.

Per il ritorno vero e proprio sulle scene, però, i Velvet si affidano ad un riuscito ep di cinque tracce, intitolato La razionalità, in una formula che sembra quasi un compromesso tra l’esigenza di regalare al pubblico qualcosa di nuovo e quella ormai sempre più rara attitudine dell’ascoltatore medio, vuoi per esigenze temporali, vuoi per sovraesposizione o scarsa curiosità, a soffermarsi su lavori più lunghi e articolati.

Il risultato certo non penalizza i nostri, che anzi ne escono egregiamente mostrando di aver saputo lavorare con cura su quelli che erano stati gli elementi migliori del precedente album: suoni potenti, arrangiamenti ben calibrati, testi non privi di ironia ed intelligenza. Pop, rock ed elettronica si fondono oggi ne La razionalità, in parte anche arricchendo l’impianto sonoro di base della band, mantenendo tuttavia ben saldo lo stile compositivo e melodico della band.

La title-track che inaugura l’ep ben racchiude tutte queste peculiarità, muovendosi al confine con territori dance ma senza mai cadere in pericolose paludi commerciali, finendo piuttosto per coinvolgere positivamente con le sue ritmiche pressanti. Più pacati si fanno i toni in “Cento corpi”, con la sua struttura da ballata ed il cantato soffuso che si solleva solo nel ritornello, mentre il desolante quadro socio-politico descritto a colpi di aforismi in “Evoluzione” poggia su una base prevalentemente elettronica che si fa via via più insistente.

Le case d’inverno”, cover recuperata dal repertorio di Luca Carboni, riporta infine l’atmosfera verso scenari electro-rock più malinconici e con lo sguardo rivolto al passato, prima di lasciare la chiusura dell’ep a “I’ve dreamt about your live”, rielaborazione in lingua inglese di “Cento corpi” in una versione che probabilmente mirerà in maniera più diretta ai mercati d’oltreconfine.

Soltanto cinque tracce per il ritorno dei Velvet, ma forti di un’intensità e di una genuinità non sempre facili da ritrovare, in un lavoro nel complesso ben costruito e sicuramente meritevole di quelle attenzioni che i media tradizionali faticano a dare alle autoproduzioni. Da recuperare e apprezzare anche grazie allo streaming, disponibile sul profilo Bandcamp dell’etichetta di casa Velvet Cose Comuni: http://velvetcosecomuni.bandcamp.com/album/la-razionalit-ep .

Voto: 7/10

Tracklist:

  • 1 · La razionalità
  • 2 · Cento corpi
  • 3 · Evoluzione
  • 4 · Le case d'inverno
  • 5 · I've dreamt about your love

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi