Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 24 settembre 2014

Haley Bonar Cover - hires

Haley Bonar

Last War

Genere: Alt-pop-rock

Anno: 2014

Casa Discografica: Memphis Industries

Servizio di:

Sono passati quasi quindici anni dall’uscita del debutto di Haley Bonar. Una carriera rispettabile che l’ha portata a circondarsi di musicisti come Jeremy Hanson (Tapes ‘n Tapes), Luke Anderson (Rogue Valley), Jeremy Ylvisaker (Andrew Bird, Alpha Consumer) e Mike Lewis (Bon Iver, Alpha Consumer).

La cantautrice  e musicista statunitense, a tre anni dall’uscita di Golder, ritorna con un nuovo album intitolato Last War. Siamo di fronte ad un disco ben confezionato e che ci fa comprendere il motivo per cui riesca ad attirare altri talenti (anche Justin Vernon collabora a questo lavoro). Dal punto di vista musicale non troviamo grandi cambiamenti: una forte sensibilità pop che si esprime soprattutto dal punto di vista vocale (“Kill the Fun“), una tensione che si ritrova nelle ritmiche e negli irrobustimenti, così come nei riferimenti wave (evidenti in “Last War” e “Woke up in My Future“); il tutto viene rilegato perfettamente, sfoderando un equilibrio magistrale.

No Sensitive Man” è il brano che meglio esprime il suo concetto globale di musica: accelerazioni ritmiche e muscolari associata ad una gradevole armonia di fondo. Anche “Heaven is made for two” è un ottimo esempio che prende spunto da queste struttura ma con una prevalenza della distorsione che incrementa l’efficacia del pezzo. Ritroviamo anche momenti più intimi e raccolti, nei quali la suggestione fa da padrona: si pensi a “From a Cage“,  “Eat for Free” e la più cupa “Can’t Believe Our Luck“.

Non è un disco che passerà alla storia ma è un importante segnale di come si possa sfornare buona musica restando fedeli a se stessi, senza tentare titaniche strade rivoluzionarie: Haley Bonar si dimostra una perfetta equilibratrice, una dosatrice di tensione e un’ottima interprete della melodia. Tredici anni di carriera e non sentirli: un’altra ottima prova che si aggiunge alla pregevole discografia della cantautrice statunitense.

Voto: 6,8/10

Tracklist:

  • 1 · Kill the Fun
  • 2 · No Sensitive Man
  • 3 · Last War
  • 4 · Heaven's Made For Two
  • 5 · From A Cage
  • 6 · Woke Up In My Future
  • 7 · Bad Reputation
  • 8 · Can't Believe Our Luck
  • 9 · Eat For Free

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi