Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 14 marzo 2014

vessel

Vessel

Le difese

Genere: Songwriting, Folk

Anno: 2014

Casa Discografica: Santeria/Audioglobe

Servizio di:

Basterebbe dare un’occhiata ai nomi coinvolti nel progetto, titolari ed ospiti, per farsi un’idea di quale livello qualitativo si celi ne Le difese, ultimo lavoro dei Vessel. In una sola parola, si potrebbe parlare di “classe“: Corrado Nuccini ed Emanuele Reverberi dei Giardini di Mirò, rimettono infatti mano al loro side-project e, accompagnati da preziose collaborazioni che vanno dalle voci femminili di Sara Lov dei Devics a Angela Baraldi, passando per Alessandra Gismondi, Barbara Cavaleri e Laura Loriga fino alla partecipazione di musicisti come Enrico Pasini, Riccardo Sgavetti, Ulisse Tramalloni e Andrea Rovacchi (questi ultimi due dai Julie’s Haircut), portano alla luce gli ascolti che hanno influenzato la propria carriera artistica.

Tanto cantautorato italiano, nostalgia da chansonnier e un forte contatto con la musica popolare nostrana, sono gli elementi portanti delle dieci tracce che compongono Le difese, un album dai contorni sfumati e dal sapore noir, da gustare in penombra e magari di fronte a un buon bicchiere di vino.

De André, Ciampi, Ferré, un approccio spesso teatrale alla canzone, i riferimenti del duo Nuccini-Reverberi sono rintracciabili in un cantautorato dai toni fortemente empatici, che allontana la musica dei Vessel dalle atmosfere più psichedeliche degli esordi proiettandola in uno spazio più vicino alla nostra tradizione (“La spinta”, “Una città d’incanto”), arricchendolo in più passaggi delle già citate preziose presenze femminili.

Eleganti sono, infatti, i contrasti vocali di brani come “La bussola”, “Cefeidi, supernove” o “Il soffio”, vere e proprie gemme tanto dal punto di vista musicale quanto da quello lirico, mentre squarci melodrammatici vengono rappresentati nel sarcastico monologo di una gelosa Angela Baraldi in “Nudisti su Marte” o nei duetti “Non sei più tu” (con la stessa Baraldi) e “Che animale sei?” (con Laura Loriga).

Chiudono il quadro le due tracce maggiormente legate alla musica popolare, ovvero la sentita riproposizione dell’inno anarchico di Caterina Bueno “Battan l’otto”, magistralmente interpretata ancora da Angela Baraldi, e la tradizionale murder ballad romana “Sinnò me moro”.

Frutto di una gestazione lunga sette anni (testi e musiche sono stati scritti tra il 2006 e il 2013), Le difese ha il pregio di sorprendere ed emozionare, con una raffinatezza fuori dal comune ed un accurato lavoro di produzione, che ne fanno senza ombra di dubbio uno dei migliori lavori usciti finora in Italia in questo primo scorcio dell’anno: da amare senza remore.

Voto: 8/10

Tracklist:

  • 1 · La bussola (feat. A. Gismondi)
  • 2 · Cefeidi, supernove (feat. Sara Lov)
  • 3 · Nudisti su Marte (feat. A. Baraldi)
  • 4 · Il soffio (feat. Sara Lov)
  • 5 · La spinta
  • 6 · Non sei più tu (feat. A. Baraldi)
  • 7 · Una città d'incanto (feat. Sara Lov)
  • 8 · Battan l'otto (feat. A. Baraldi)
  • 9 · Che animale sei? (feat. L. Loriga)
  • 10 · Sinnò me moro (feat. L. Loriga)
)

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi