Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 16 agosto 2013

Machweo

Machweo

Leaving Home

Genere: Elettronica

Anno: 2013

Casa Discografica: Flying Kids Records

Servizio di:

Elettronica che avanza: sono sempre più le produzioni italiane del settore che stanno minimizzando la distanza rispetto a quelle straniere più prestigiose. E quindi non c’è da sorprendersi della qualità che emerge dall’ascolto di Leaving Home, esordio discografico di Machweo.

Giovane musicista e producer proveniente da Carpi, Giorgio Spedicato arriva al debutto dopo due ep usciti nel 2012: Sunset e No Way Out.Le undici tracce che caratterizzano l’album mettono in evidenza la meticolosità con cui viene costruito il suono: martelletto, ago e filo. Machweo cerca di sovrapporre e unificare più livelli: ed è per questo che nelle composizioni le ritmiche sono quasi sepre compresse, controllate, ridisegnate continuamente (pensate a un pezzo come “The Tribe”). Approccio melodico e destrutturante incrociano le loro strade per dar vita a qualcosa di estatico e vibrante.

L’iniziale tensione di “Looonely” mette subito in evidenza questi aspetti: lo strato ambientale che viene continuamente frammentato senza crepe alla fluidità del sound. Il senso armonico emerge in “Home“, il cui arrangiamento è schiaffeggiato dal rimbombo delle drum. Quest’ultimo è più posato nella finale eterea e visionaria “Bad Trip On Marijuana“.

C’è anche un’ispirazione che raccoglie pezzi sia dal movimento chillwave (“Chase The Sun“), con retaggi glitch e da future sound: questo aspetto emerge parzialmente in “The Sadness of Fire” e in maniera più evidente nella successiva “I Love You But You Left The Cigarettes At Home“. C’è anche uno strato psichedelico (presente anche in “Bad Trip On Marijuana“)  che esce fuori in particolare in “The Bottom Of The Ocean“, brano caratterizzato da un grazia “ruvida”.  Una citazione a parte merita “U Stronger“, fra i brani più riusciti dell’album: è il pezzo che più esprime la doppia anima che racchiude il senso del disco.

Il giovane carpigiano solidifica le strutture compositive (in realtà già degne di nota nei due ep precedenti) e costruisce la base per una prolifica e interessante carriera. Ha messo in mostra notevoli qualità di “scultore” del suono, accompagnate da una sensibilità melodica e un approccio versatile, che potrebbero portare a interessanti evoluzioni.

Voto: 7/10

Tracklist:

  • 1 · Looonely
  • 2 · Home
  • 3 · The Sadness of Fire
  • 4 · I Love You But You Left The Cigarettes At Home
  • 5 · U Stronger
  • 6 · The Bottom Of The Ocean
  • 7 · Chase The Sun (ft. Smith Comma John)
  • 8 · The Tribe
  • 9 · My Backseat (ft. Go Dugong)
  • 10 · U Sad
  • 11 · Bad Trip On Marijuana

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi