Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 13 aprile 2013

Vienna Ditto

Vienna Ditto

Liar Liar

Genere: Blues, Elettronica, Alternative

Anno: 2013

Casa Discografica: Autoprodotto

Servizio di:

Saper  inclinare i riferimenti musicali verso le proprie attitudini è un ottimo punto di partenza. E’ questo uno dei motivi che mi ha fatto apprezzare il nuovo ep dei Vienna Ditto. 

Duo di Reading attivo dal 2009 e con un ep e qualche singolo alle spalle, non abbiamo altre informazioni biografiche. Sappiamo del loro amore per il Chicago Blues (molto riconoscibile in un brano come “The Undefeated“) e per il movimento Trip-hop. Entrambi i generi si riflettono sul loro intreccio musicale che vive della splendida voce della cantante, la ricerca di ritmi irregolari e la capacità di dare al suono sia ruvidità che armonia.

La title track “Liar Liar” introduce anche elementi di psichedelia vibrante e oscura con un suono consistente e colmo di distorsioni che impattano meravigliosamente sull’aspetto vocale. “Whatever Comes My Way” predilige l’aspetto acustico ed è lo specchio della loro vicinanza ai Portishead. La conclusiva “Little Fingers” è più tesa, con la presenza di un’elettronica più destabilizzante.

Il duo ha dimostrato di sapersi muovere su più territori usando sapientemente le  armi a disposizione e miscelando le stesse in modo egregio: ottime dote interpretative e promettenti intuizioni compositive. Da Seguire con attenzione.

Voto: 6,8/10

Tracklist:

  • 1 · Liar Liar
  • 2 · The Undefeated
  • 3 · Whatever Comes My Way
  • 4 · Little Finger

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi