Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 18 luglio 2013

copedefin

Andrea Carri

Metamorfosi

Genere: Modern Classical

Anno: 2013

Casa Discografica: Autoproduzione

Servizio di:

Ieri vi abbiamo parlato di Fabrizio Paterlini e dell’approccio moderno alla Neoclassical (i cui maggiori esponenti, da questo punto di vista,  a livello internazionale sono Olafur Arnalds e Nils Frahm). C’è un giovane pianista emiliano, molto talentuoso, che è già al suo terzo album ma che sembra voler andare oltre l’impostazione tradizionale.

Si tratta del ventitrenne Andrea Carri che suono sin dall’età di sei anni. Ha debuttato nel 2010 con Partire, seguito da Stanze Segrete del 2012. Il terzo album, uscito quest’anno, si intitola Metamorfosi. Tema portante del disco che si rispecchia anche nell’evoluzione di approccio alla composizione globale. Infatti ad accompagnare il pianista emiliano c’è Roberto Porpora che si occupa degli effetti elettronici che fanno da contorno e non si impongono mai, ma si fondono soavemente con le strutture pianistiche (l’essenzialità impercettibile dell’intervento in “Canzone della speranza sahrawi” , il punzecchiamento leggiadro in “Metamorfosi“, lo strato ambientale di “Fluire” e “Passeggiata alla ricerca di stesso).

L’artista si sofferma soprattutto sull’aspetto più etereo delle composizioni (l’armonia “estrema” di “Frammenti” e “Riflessi D’autunno“) ma senza scadere, quasi mai, nel manierismo di settore. Il tocco è vellutato e morbido, a volte stentato (come nell’iniziale “Strade” e “Cuori nel vento“) e altre malinconico (lo splendido flusso di “Giochi di Luce”)In “Sunshine After Rain“, il cinguettio dona vividità al pianoforte e rafforza l’aspetto visivo della composizione. E una cosa simile avviene per il vocio che accompagna “Moments of Life” e poi i sussurri in “Memoria“.

Lo stile cristallino e onirico viene supportato dal lavoro di Porpora che rinvigorisce ed esalta alcuni passaggi di pianoforte, rendendo più evocativo e forte l’apparato globale delle composizioni. Ma il talento di Andrea Carri è già sufficiente per sostenere la godibilità dell’album.

Voto: 6,8/10

Tracklist:

  • 1 · Strade
  • 2 · Canzone della speranza sahrawi
  • 3 · Giochi di Luce
  • 4 · Frammenti
  • 5 · Metamorfosi
  • 6 · Riflessi d'autunno
  • 7 · Sunshine after rain
  • 8 · Cuori nel vento
  • 9 · Moments of life
  • 10 · Memoria
  • 11 · Fluire
  • 12 · Diario di un viaggiatore
  • 13 · Passeggiata alla ricerca di me stesso

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi