Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 8 marzo 2013

mmoths

MMOTHS

Diaries

Genere: Ambient, Elettronica

Anno: 2013

Casa Discografica: SQE Music

Servizio di:

Avevamo parlato proprio un anno fa di Jack Colleran, artista irlandese che si presenta col nome di MMOTHS e che si era messo in luce proprio grazie al suo Mmoths EP. Un’elettronica calma ed elegante si era presa possesso delle poche tracce prodotte, disegnando così panorami sognanti ed atmosfere inusuali, il tutto grazie anche alla partecipazione del duo Keep Shelly In Athens. Ad un anno di distanza arriva quindi il primo vero e proprio lavoro, intitolato Diaries.

One è il brano che apre Diaries, e lo fa riprendendo esattamente le (piacevoli) fila di brani come THNX o Heart. che sicuramente erano stati le chiavi di volta della produzione precedente. La traccia di apertura è però anche caratterizzata da un’evoluzione che riguarda soprattutto la ritmica, qui più articolata, e la varietà di suoni. Seguendo un filo che ci porta con naturalezza ad elaborati arrangiamenti che sanno lontanamente di soul (For Her Feat. Young & Sick), ritroviamo anche quel sognante disorientamento musicale messo in mostra un anno fa: Losing You è calma, colori sfumati che si susseguono lentamente e, quando serve, silenzio. Silenzio che ritorna, a tratti, anche in No One, brano riflessivo e minimale carico di empatia, che si arricchisce durante il suo percorso di sonorità quasi orientali.

Diaries tuttavia non si rifà solamente al Mmoths EP, ma si reinventa in collaborazioni eccellenti come quella di Holly Miranda (musicista e cantautore nordamericano) in All These Things. Il carillon di sottofondo è quanto mai coinvolgente, catturando l’attenzione a cullandola sulle note vocali che si accavallano, lontane, e rilasciandola, inebetita, al termine della canzone. Il brano di chiusura di Diaries è però Too Real, traccia malinconica che vede anche l’introduzione del piano, il quale crea un intreccio inscindibile con i mille, sfumati suoni sullo sfondo. Tutto appare velato, quasi triste, finale.

Non c’è molto da aggiungere: MMOTHS torna fra noi col suo bagaglio di immagini rubate ai panorami irlandesi ed un po’ ai sogni di tutti, creando un’ambient tanto semplice quanto carica di significati. Significati che siamo noi a dover scovare, costruire, modellare.

Voto: 6,9/10

Tracklist:

  • 1 · One
  • 2 · For Her feat. Young & Sick
  • 3 · Losing You
  • 4 · No One
  • 5 · All These Things feat. Holly Miranda
  • 6 · Too Real

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi