Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 1 giugno 2012

attacus atlas ep

MOHKO

Attacus Atlas EP

Genere: Elettronica

Anno: 2012

Casa Discografica: SRSLY Records

Servizio di:

MOHKO è un produttore di musica elettronica dall’identità celata ed in qualche modo misteriosa, e, come sempre accade, questo genera sempre una certa curiosità. Non si nasconde dietro a maschere tribali tipo SBTRKT, semplicemente non compare, non c’è. O meglio, c’è ma non si vede. E’ uscito da pochi giorni il suo primo EP, Attacus Atlas, per la torinese SRSLY Records, e non a caso MOHKO sarà uno dei protagonisti dell’edizione del Traffic Torino Free Festival di quest’anno.

Attacus Atlas è un mosaico di toni cupi ed oscuri, è un labirinto di voci che si rincorrono e ritornano, immersi in un’elettronica di difficile definizione, che spazia da Caribou all’ambient, da ritmi frenetici ad atmosfere distaccate. Si apre col brano omonimo, intriso di invasioni aliene (alle quali MOHKO stesso crede fermamente) e scantinati bui, per passare alla ritmica più distesa e scivolosa di People, corredata da iperboli oniriche e sollevate. Falene si getta di nuovo a capofitto in stanze oscure approfittando di un profilo più pop, esaltato ancor più in BLKSN, brano piuttosto melodico accompagnato (con un uso più che gradevole di tastiere) dalla solita voce filtrata proveniente da uno spazio imprecisato.

Doom prende il largo sulle ali di un’elettronica più ‘leggera’ che sconfina quasi in un’ambient raffinata ed elaborata, poi cambia rotta per fare un paio di immancabili capriole nell’oscurità, per poi acquisire ritmo su ritmo e divenire uno dei quei brani che ascolteresti all’infinito, senza mai stancarti, in preda ad un’estasi semicosciente. Attacus Atlas si conclude con Superhero, brano dai ritmi lenti e curati, accompagnati da un piano elegante che aggiunge una nota di malinconia (che comunque pervade tutto il lavoro) alle mille atmosfere evocate in poco più di venti minuti.

La curiosità viene per ora ripagata da brani complessi e coinvolgenti, tanto eterogenei quanto interessanti, difficilmente definibili e, proprio per questo, ancora più attraenti.

Voto: 7,0/10

Tracklist:

  • 1 · Attacus Atlas
  • 2 · People
  • 3 · Falene
  • 4 · BLKSN
  • 5 · Doom
  • 6 · Superhero

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi