Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 26 luglio 2013

Young Echo

Young Echo

Nexus

Genere: Elettronica, Sperimentale

Anno: 2013

Casa Discografica: Ramp Recordings

Servizio di:

Young Echo è un collettivo di producer di Bristol che comprende realtà come Vessel, Jabu, Kahn, Killing Sound, El Kid, Zhou e Ishan Sound. Nomi dei quali più volte vi abbiamo parlato. Il 27 Maggio è uscito l’album di debutto Nexus.

Molte delle tracce sono state pensate prima dell’idea stessa di raccoglierle. Ma non si tratta di compilation. Le tredici tracce che compongono l’album trasudano coesione e per quanto emergano le diverse personalità dei vari producer, si percepisce come punto d’incontro la ricerca del sound, la sperimentazione. E c’è anche una certa oscurità che fa da laccio fra le varie composizioni.

Infatti siamo di fronte a ritmiche frastagliate che si infrangono su strutture dubstep (L’eleganza di “Jupiter Rise”), consistenti veli di noise, uno spettrale minimalismo (l’astratta “Eternities Never / Ephemeral Sometimes“) e anche richiami sottili all’industrial (la deformazione inziiale di “My Child, My Chain” ) e anche inevitabili incursioni come quella dell’hip-hop (l’assordante minimalismo di “Voice on the Water“, “Flying”, “Slow Jam“).

La title-track “Nexus“, fra i migliori brani dell’album, vede Killing Sound alle prese con un trip-hop scarnificato e soffocato e agevolato dalla splendida voce di Lily Fannon. Le stesse strutture le riprende “Umoja” ma un maggiore frastagliamento e sottostrati che intaccano la linearità dell’arangiamento. C’è spazio anche per il suono abrasivo e fluido di El Kid in “Radial Sheaves“; ma lo stesso si dedica a ritmi più “nervosi” in “Crowd Sacred”. 

Semplice selezione? No, c’è molto di più. C’è la volontà di condividere un’attitudine nel creare musica nel quale tutti i producer che hanno contribuito si sono ritrovati, dimostrando il loro talento. Un’elettronica variegata ma che comunque non intacca la compattezza di questo album. Speriamo che questo non sia l’unico episodio.

Voto: 7,5/10

Tracklist:

  • 1 · Radial Sheaves
  • 2 · Jupiter Rise
  • 3 · Voices on the Water
  • 4 · Crowd Sacred
  • 5 · Blood Sugar
  • 6 · Earth & Dust (Version)
  • 7 · Untitled No. 7
  • 8 · Nexus
  • 9 · Flying
  • 10 · My Child My Chain
  • 11 · Umoja
  • 12 · Slow Jam
  • 13 · Eternities Never / Ephemeral Sometimes

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi