Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 25 ottobre 2013

no offense 1440 Kopie

Antun Opic

No Offense

Genere: Songwriting, Alt-folk

Anno: 2013

Casa Discografica: Autoproduzione

Servizio di:

Le radici e la provenienza ci segnano profondamente e questo vale soprattutto nel mondo della musica. C’è chi le assorbe completamente e chi si defila. E poi c’è chi razionalmente cerca di estrapolare qualcosa da tutti i posti che segnano la propria maturazione ed evoluzione. E’ questo il caso di Antun Opic. 

Non mi sento a ‘casa’ in nessun posto”. Un’affermazione, quella del cantautore tedesco di origini croate, che esterna senza tanti veli la natura multi-strato del suo album di debutto No Offense che vi abbiamo presentato in anteprima qualche settimana fa. Questo esordio arriva dopo la lunga esperienza con il collettivo punk-cabaret Storm & Wasser. Compagni di viaggio di questa nuova avventura sono il suo vecchio maestro di chitarra Tobias Kavelar e il  bassista Horst Fritscher.

Il suo cantautorato è colorato e, per riprendere il discorso iniziale, non fa a meno di attingere anche dalle sue origini ed esperienze musicali (l’iniziale “Hospital” e “he Informer” sono l’evidenza di questo aspetto ). Ma alla lunga viene fuori la sua anima intima (“No Offense“) e melodica, l’ispirazione dal folk d’oltreoceano (“Bulletproof“), l’impostazione blues (“We Don’t Give a Damn” e il sottostrato di “Good Friends“) e i retaggi di easy-jazz (“Don’t Forget” e “Troubled Waltz“).

Moses“, tra i migliori brani dell’album, ci regala una performance vocale notevole: graffiante e teatrale con gli arpeggi di chitarra e i controcanti che accompagnano meravigliosamente l’interpretazione. Non è da meno “Warm“, pezzo intenso e notturno che racchiude tutta la bravura del cantautore tedesco.

Antun Opic offre un assaggio delle sue enormi potenzialità: la versatilità e la capacità di ricercare nuovi linguaggi di espressione sono i suoi punti di forza che rendono questo debutto decisamente convincente. Un cantastorie moderno di buone prospettive.

Voto: 6,8/10

Tracklist:

  • 1 · Hospital
  • 2 · Bulletproof Vest
  • 3 · No Offense
  • 4 · The Informer
  • 5 · Moses
  • 6 · We don't give a damn
  • 7 · Juanita Guerolita
  • 8 · Don't Forget
  • 9 · Warm
  • 10 · Troubled Waltz
  • 11 · Good Friends
  • 12 · Rootless Tree

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi