Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 12 luglio 2013

Baths

Baths

Obsidian

Genere: Elettronica, Pop

Anno: 2013

Casa Discografica: Anticon

Servizio di:

Sono passati tre anni da Cerulean Baths (pseudonimo del californiano Will Wiesenfeld)  con il nuovo album sembra aver trovato una rinnovata e perfetta collocazione. Si intitola Obsidian e già attraverso il titolo e l’inquietante copertina porta alla luce il tono cupo che caratterizza sia i contenuti che il contenitore.

Infatti gli elementi principali che emergono dall’ascolto sono essenzialmente tre: il primo è la forte strutturazione pop che assume l’album e che è insita a livello globale, soprattutto per le modalità d’uso della vocalità (“Inter”  e ”Miasma Sky” sono due esempi calzanti); il secondo, accennato prima, è lo strato dark che sorvola le composizioni (l’evocativa e quasi struggente “Ironworks“) sino sconfinare in tratti caratterizzati da notevoli ruvidità (la fangosa “No Past Lives“); e poi c’è la versatilità dell’uso dell’elettronica che gli permette anche di sondare nuove sonorità e raffinare quelle a cui ci aveva abituato nel primo album (dal tocco glitch di “Incompatible” alla consistenza di “No Eyes“).

L’apertura è affidata ai contrasti ritmici di “Worsening” che alterna distensioni e delicate accelerazioni, tra le quali si incastra l’apparato vocale. Il lavoro ritmico passa anche per la focalizzazione sulle irregolarità e in “Ossuary” questo aspetto emerge in maniera significativa.  Tra i brani più importanti dell’album c’è sicuramente “Phaedra” con la sua perfezione compositiva, tra tocchi di classe essenziali e andamento sostenuto.

Più che una crescita dal debutto, c’è una presa di consapevolezza dei propri mezzi: il musicista/producer statunitense ha dimostrato di avere le idee chiare realizzando un album ben definito nelle intenzioni e nella globalità delle strutture, e allo stesso tempo capace di mettere in risalto la versatilità e la classe che lo contraddistinguono.

Voto: 7/10

Tracklist:

  • 1 · Worsening
  • 2 · Miasma Sky
  • 3 · Ironworks
  • 4 · Ossuary
  • 5 · Incompatible
  • 6 · No Eyes
  • 7 · Phaedra
  • 8 · No Past Live
  • 9 · Earth Death
  • 10 · Inter

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi