Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 18 maggio 2015

dargelOR_1430919463

Corey Dargel

Ok it's no ok

Genere: Songwriting

Anno: 2015

Casa Discografica: New Amsterdam

Servizio di:

Vive la sua arte ai bordi della luce, schivo e intimista che odia le masse chiassose; non stiamo parlando della scoperta un nuovo pipistrello di caverna, ma del cantautore americano Corey Dargel e del suo nuovo lavoro discografico, Ok it’s no Ok, un viatico sonoro amaro e strabordante di pensieri fissi circa la morte, affinità e affondi intimi sulla Grande Sorella, e tutto nel raggio di quattordici tracce che fanno ossatura e animo del suo essere artista.

Con lui lo sghiribizzo violinistico di Cornelius Duffalo e la chitarra di James Moore, intorno un leggero sinth-pop, arie marroni, open space imprevisti e le fumisterie poetiche di un Owen Pallett in fregola interiore, suoni ed emozioni contrabbandate in notti passate alla stazione e un fardello di sogni/incubi di riscatto, speranza e crescita che fa funzionare l’ascolto del lotto.

Disco non lineare al massimo ma con pochi luoghi comuni, una forma espressiva che proietta e sviluppa un romanticismo “astratto” e lo spalma tra onde anomale di battute (“There’s nothing there”, “The opposite of love”) e nebbie convulse (“The saddest excuses”, “No feelings grown-up enough”), dentro strade sperimentali (“Impression of me”) o su corde acustiche come in “Your profound self-dubt”, e che alla fine mette in chiaro il carattere di questo artista americano e di tutto il carisma understatement che lo accompagna sin dagli esordi.

Con “Surely I can rebuild you” il disco chiude e si apre un punto interrogativo.

Voto: 5/10

Tracklist:

  • 1 · There's nothong there
  • 2 · The opposite of love
  • 3 · Do you have any reaction at all
  • 4 · Until she doesn't
  • 5 · The saddest excuses
  • 6 · On this date every year
  • 7 · No feelings grown-up enough
  • 8 · Slow down
  • 9 · Your discompassionated arms
  • 10 · Impression of me
  • 11 · Will only get well
  • 12 · Your profound self-doubt
  • 13 · Upside down
  • 14 · Surely I can rebuild you

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi